Facciamo i biscotti!!!

Scritto il 05 dicembre 2010

i biscotti di natale fatti in casa. ecco la ricetta dei lebkuchen

Tra le varie attività che abbiamo pensato di svolgere in preparazione del Natale c’è naturalmente la produzione dei biscotti. Ci siamo trovati con altre famiglie di amici e ognuno ha portato un po’ di pasta frolla fatta con diversi ingredienti. Abbiamo coinvolto i bambini proponendo loro di fare i biscotti con le formine a forma di angelo, cuore, stella, maialino, luna e loro sono stati molto felici di aiutarci.

bisco3.jpg

Poi mentre loro giocavano abbiamo infornato teglie e teglie, prendendoci un te e divertendoci a pasticciare con le mani in pasta.. e quando i biscotti erano pronti, dopo averli lasciati raffreddare abbiamo rimesso i bimbi all’opera, per decorare tutti i biscottini.

bisco21.jpg

Spennellare con glassa colorata, decorare con palline argentate, cigliegine e zenzero candito è stato bellissimo. Ognuno trovava il suo modo per rendere ogni biscotto diverso da un altro, e alla fine tutti sono andati via con il loro pacchettino. Sol ha fatto grandi biscottoni a forma di cuore con farina di mandorle e cioccolato, Paola e Maria hanno fatto la pasta sfoglia tradizionale, Francesca con la farina integrale mentre io mi sono messa alla prova con i Lebkuchen, biscottini speziati di origine tedesca, la cui pasta è una specie di panforte/panpetato con polvere di chiodi di garofano, polvere di cardamomo, cannella e cedro candito.

fare i biscotti con i bambini

La giornata si è conclusa accendendo una candela e cantando tutti insieme i canti del Natale, quelli tradizionali, che tutti conoscono a memoria attingendo qua e là dalla propria infanzia, con i bimbi che suonavano tutti gli strumenti musicali trovati in casa…

Ecco la ricetta dei Lebkuchen:

la tradizione dice che all’inizio di dicembre le nonne tedesche iniziavano a produrre questi biscottini di natale, ma visto che in questa ricetta c’è il miele che tende ad indurirsi i biscotti venivano messi in scatole di latta con una fetta di mela o una mela intera che toglie l’umidità e li rende più morbidi. Dopo alcune settimane, proprio per Natale, i biscotti saranno pronti e morbidi come appena sfornati !!

Ingredienti:
250 g di zucchero
6 tuorli d’uovo
500 g di miele
500 g di farina bianca
500 g di farina di segale
10 g di cannella in polvere (circa 2 cucchiaini)
10 g di “Nelken”polvere di chiodi di garofano
la scorza grattugiata di 1 limone
30 g di bicarbonato di sodio

a 180° per circa 7 minuti

(nota che in questa ricetta non c’e’ nè burro nè olio, nè latte, sono quindi biscotti molto leggeri e adatti anche a chi ha qualche intolleranza)

Per guarnire:
cedro candito, zenzero candito, glassa colorata, confettini colorati, palline di zucchero argentato, meringhine, 1 albume. anche il cioccolato sarebbe l’ideale.

Come si fa:
Sbattete a bagnomaria le uova con lo zucchero. Quando saranno ben montate aggiungete il miele riscaldato, le farine mescolate, le spezie e il bicarbonato.

Lavorate bene il composto e lasciatelo riposare per una notte in un luogo caldo. (La ricetta dice cosi ma io li ho fatti qualche ora prima e sono venuti benissimo)
Il giorno seguente stendete la pasta sulla spianatoia infarinata in una sfoglia spessa 1/2 cm, tagliatela a rettangoli o a quadrati o con le formine apposite
Spennellateli con l’albume frullato e guarniteli con i confettini colorati, le mandorle, i pinoli o i canditi, seguendo la fantasia. (Io ho usato glassa a base di zucchero a velo e colorante alimentare per il verde, e succo d’arancio e una punta di concentrato di pomodoro per il rosso.)

Mettete i biscotti su una placca da forno con un foglio di carta da forno e cuoceteli a 200° C, per 12 – 15 minuti, fino a quando saranno ben dorati.

Lasciateli raffreddare e conservateli fino a Natale in scatole di latta. Noi li abbiamo mangiati tutti subito anche se ne avevamo fatti per un esercito nonostante avessimo usato la metà di questa dose!!! (non erano per niente duri, forse perchè ho messo poco miele)

se ti interessano altre ricette della tradizione tedesca clicca qui e fatti una scorpacciata!!

Ricetta di pastafrolla di Paola:

500 gr. di farina
250 gr. di zucchero bianco
1 pizzico di sale
1 grattata di limone
5 rossi d’uovo
250 gr. di burro a temperatura ambiente

a 180° per 12/15 minuti

ps: è ovvio che se si usato prodotti biologici e di alta qualità i biscotti vengono MOLTO più buoni.
Ma come perchè!!   Se ancora non lo sai leggi qui>>

Leggi altri articoli della categoria Bambini + Scuola, Le stagioni, Manualità

5 Commenti per questo post

  1. sergio ha scritto:

    vorrei fare i biscotti tradizionali tededeschi per natale

  2. kosenrufu mama ha scritto:

    wow, sono affascianta dall’aria di supercollaborazione!!!
    mi vien voglia di provare, magari solo in famiglia, appena ritrovo le forze da questa influenza, e mi piace l’idea della mela nella scatola, non sapevo si facesse così!
    un abbraccio a tutti

  3. d. ha scritto:

    Noi sabato ne abbiamo fatto otto teglie e sono già sparite… Abbiamo solo evitato la glassa, che è bella da farsi ma qui non piace a nessuno: l’anno scorso preferivano i biscotti senza decorazioni, quindi le abbiamo eliminate.
    Il trucco della mela te lo rubo, ma sei sicura che serva per “togliere umidità”? A me sembra che dia umidità e proprio per questo ammorbidisca i biscotti.
    Comunque sia, se funziona!

  4. sicampeggia ha scritto:

    Cioè: siete proprio di un altro pianeta e state costruendo un’infanzia bellissima per i vostri figli, mi piacerebbe conoscerli tra qualche anno per vedere che adulti sono diventati. Scommetto bellissime persone. Ciao.

  5. fastifloreali ha scritto:

    sono stata impegnata domenica e mercoledì nella produzione di biscotti natalizi, con ricette varie….tedesche o svedesi. Il figlio maggiore non si occupa della produzione; il figlio minore invece decide su quale formina utilizzare; adesso ho l’ordine di trovare la formina dell’omino pan di zucchero, ma dubito di riuscire a trovarla in zona. Comunque, cuoricino, stellina o cerchietto, l’importante è che i bambini siano coinvolti….e magari che li mangino anche!

Commenta questo post