Usi terapeutici della cannabis

Cannabis, un’unica risorsa per innumerevoli usi

Molti di noi avranno sentito parlare di cannabis soltanto nei telegiornali, menzionata tra le notizie di cronaca per fatti legati alla criminalità organizzata, allo spaccio, o alla detenzione illegale.

Eppure, grazie alle sue molteplici proprietà, questa sostanza naturale ha conquistato un ruolo fondamentale in moltissimi settori, da quello medicinale a quello legato alla bioedilizia.

Una delle principali applicazioni della canapa è sicuramente quella relativa al suo utilizzo come strumento terapeutico. Negli ultimi anni le più prestigiose università internazionali e numerosi centri di ricerca sparsi in tutto il mondo hanno dimostrato come i principi della marijuana possano essere sfruttati per creare nuove terapie con le quali curare malattie gravi, come la sclerosi multipla, la leucemia o l’epilessia, ma anche altri disturbi più comuni come la depressione, il mal di testa, l’asma o l’artrite, fino ad arrivare all’autismo.

credits: www.globalist.it
credits: www.globalist.it

A seguito di questi numerosi studi, grazie ai quali i ricercatori stanno ottenendo risultati molto positivi, molti Paesi dell’Europa e degli Stati Uniti hanno introdotto di recente nuove leggi che consentono l’utilizzo della marijuana – e dei farmaci da essa derivati – a livello terapeutico. In Italia si continua a scendere in piazza per chiedere la liberalizzazione, ma in alcune regioni l’uso di farmaci a base di cannabinoidi è già consentito.

Un’altra importante applicazione piuttosto comune della cannabis è legata all’estrazione dalla pianta di diverse materie prime, quali tessuto, carta e legno.

Grazie alla struttura particolarmente fibrosa del suo fusto, il tessuto derivante dalla pianta della canapa è particolarmente resistente e durevole e può senza dubbio sostituire il cotone. Una curiosità rispetto a questo impiego: in passato, le vele delle imbarcazioni erano prodotte al 90% con fibre di canapa, poiché appunto più robuste, ma anche perché la loro coltivazione è più semplice e rapida, richiede poca acqua, e non è soggetta a particolari attacchi parassitari.

Anche la carta prodotta con la pianta di cannabis è resistente e di ottima qualità: la bassa concentrazione di lignina e il colore particolarmente chiaro della fibra rendono la lavorazione della carta di canapa meno inquinante poiché non necessita delle lavorazioni chimiche richieste invece per produrre la stessa materia estratta dai comuni pioppi.

Infine, la cannabis si è rivelata una delle materie prime naturali per eccellenza nel settore della bioedilizia. Non solo come ottimo sostituto del legno nei prodotti di falegnameria, ma anche nella costruzione di pannelli isolanti e blocchi prefabbricati, già di uso comune in Italia. Le proprietà isolanti termoacustiche delle fibre di canapa sono da tempo note, ma questo particolare impiego nell’edilizia ha tanti altri benefici e vantaggi: basti pensare alla capacità delle fibre di canapa di assorbire Co2 e quindi di ridurre l’inquinamento, oppure alla loro capacità ignifuga, alla traspirabilità e alla resistenza ai parassiti.

Dal punto di vista alimentare, la canapa costituisce una preziosa risorsa di vitamine, grassi polinsaturi essenziali per il corretto funzionamento dell’organismo, e proteine, presenti in elevate quantità nei semi. Se consumati crudi, i semi possono essere considerati come un valido integratore alimentare naturale, ma si prestano anche ai più svariati utilizzi in cucina, dalla preparazione del pane alla decorazione dei dolci.

Ottenuto dalla spremitura dei semi, anche l’olio di canapa è stato oggetto di recenti studi scientifici che ne hanno dimostrato le elevate proprietà benefiche, tanto da ritenerlo un prezioso alleato dal punto di vista nutrizionale.  Grazie alle sua ricchezza di vitamine, alla consistente presenza di Omega-3 e Omega-6 e alla capacità di contrastare l’invecchiamento, l’olio di canapa è molto utilizzato anche dall’ industria della cosmesi: creme, saponi e maschere per viso e corpo a base di olio di canapa sono in grado di idratare e prevenire arrossamenti e irritazioni, oltre a non ungere e ad ammorbidire e nutrire la pelle.

La cannabis, quindi, merita certamente di essere rivalutata, per poter essere considerata una risorsa naturale da sfruttare, grazie alle sue proprietà benefiche e al suo minimo impatto ambientale. Tra i molteplici impieghi è infatti da considerare anche la produzione di combustibili da biomassa, che potrebbero sostituire il petrolio, o la fabbricazione di imballaggi e materiali isolanti a base di canapa completamente biodegradabili, che potrebbero sostituire gli inquinanti sacchetti di plastica.

Articolo redatto da Marco Righetti, appassionato ed esperto del mondo della canapa.

Leggi altri articoli della categoria Curarsi

Originariamente scritto il 11 febbraio 2014

Commenta questo post