Suggerimenti estivi di felicità - Vivere semplice

Suggerimenti estivi di felicità

suggerimenti-estivi di felicità

Ogni tanto ricevo una newsletter a cui devo essermi iscritta tempo fa che mi piace moltissimo: ve la consiglio. L’autrice è una sociologa autrice del blog www.raisinghappiness.com che si occupa di felicità e spesso parla di famiglie, genitori ed altri esseri umani alla ricerca di quello che conta. Forse per questo mi piace.

Ecco cosa dice oggi (ed io non posso essere più daccordo):

Vuoi provare a fare qualcosa di nuovo per te stesso quest’estate?

Spegni lo smartphone – realmente veramente completamente e per diverse ore al giorno. E poi osserva quello che succede.

Non sarà facile e il motivo è che la tecnologia può creare dipendenza e può cambiare in maniera profonda chi siamo come persone. E questo vale non solo per chi al computer ci lavora, ma anche per tutti gli altri che finiscono con il regalare gran parte del loro tempo alla rete. Con che cosa in cambio?

Non far finta di non sapere

I ricercatori ritengono che se passiamo troppe ore della giornata connessi possiamo diventare più impazienti, impulsivi, incapaci di dare il giusto peso alle cose, di provare gratitutine, apprezzamento per la vità ed egocentrici.
Queste qualità non ci fanno persone più felicei e non ci rendono genitori migliori .

Disconnetterci dalla tecnologia ci può aiutare a ristabilire il contatto con chi siamo veramente, ciò che è veramente importante per noi e ciò che realmente ci rende felici. Ecco qualche consiglio per provarci  e qualche dritta per disconnettersi insieme ai figli proponendo attività alternative che alleviano l’astinenza.

Non ti dico che sia facile perchè se lo fosse non si potrebbe parlare di dipendenza. Il problema è che finchè non provi non lo sai quando è difficile rimanere sconessi.

Dopo aver provato saprai quanto ne hai davvero bisogno. E quanto puoi guadagnarci in salute e nelle relazioni con chi ami.

 

Leggi altri articoli della categoria Vivere bene

Originariamente scritto il 22 luglio 2015

Commenta questo post