Pausa influenza: un'occasione per rallentare - Vivere semplice

Pausa influenza: un’occasione per rallentare

Dovrebbe esistere proprio l’etichetta Pausa influenza da scrivere sopra la porta di casa, come un messaggio automatico di out of office.

Si perchè l’influenza puo’ essere davvero colta come occasione per fermarsi un attimo e rimettere in ordine i pensieri, rimettere in fila di virus e i batteri che ci governano, rimettere mano a quei pensieri da rivedere, libri da finire, pile di documenti da mettere in ordine che si sono accumulati dal primo giorno di scuola. Sono passate piu di 9 settimane da allora… quindi una pausa ci vuole eccome.

Infatti i bambini si sono ammalati in fila uno per volta, e oggi anche Andrea ha ceduto le armi. Le prime ore le ha passate a dire: devo disdirre questo, devo rimandare l’altro, poi finalmente dopo la lettura dei giornali (perchè quello davvero non si puo’ evitare neanche con la febbre a quaranta) si è abbandonato ad un sonno ristoratore.

Io reggo, spero almeno fino a quando non potro’ passare il testimone, e avere al mio fianco un crocerossino che spero non torni subito a fare il suo dovere altrove.

A proposito di occasioni:

la vita a piccoli passiSiamo andati a vedere la mostra sull’Homo Sapiens trascinati dall’entusiasmo di alcuni amici. E ci siamo resi conto che questa era un’ottima occasione per parlare di come è arrivato l’uomo sulla terra, visto che alla steineriana siamo ancora ad Adamo ed Eva.
Allora ieri ho preso in biblioteca La vita a piccoli passi della egregia collana Motta Junior e oggi i bambini stanno facendo un po’ di homeschooling leggendosi come è andata la storia della nascita della terra e dell’uomo.

ps: Mi ha fatto un certo effetto vedere tutti quei genitori con bambini piccoli, affannati a spiegare cos’è il dna, a mostrare schede, scheletri e riquadri informativi concepiti per adulti, mentre loro corrono avanti e indietro alla ricerca dell’uscita. E’ anche incredibile vedere come alcuni dei bambini (quelli considerati più intelligenti e portati) dissimulino un certo interesse solo per far piacere ai genitori….

Istruttivo, tutto molto istruttivo.

Leggi altri articoli della categoria Ritmo della vita

Originariamente scritto il 23 novembre 2011

4 Commenti per questo post

  1. mariaclaudia ha scritto:

    si, lo sciroppo cipolle con miele lo fannoa nche qui in perù e funziona veramente !!

  2. Tiziana ha scritto:

    Ciao, la richeista è d'obbligo: come si fa lo sciroppo di cipolle e miele? A casa 4 su 6 hanno la tosse, il mal di gola forte, etc., etc. Grazie mille.

  3. Giada ha scritto:

    Concordo con Tiziana: non puoi tirare la cipolla, emh… metaforicamente, e ritirare la ricetta! Qui ci si sveglia ogni notte per la tosse, serve una pozione magica!!

  4. sabrina ha scritto:

    sciroppo di cipolle
    prendi un barattolo di miele quasi finito e ci metti dentro mezza cipolla bianca tagliata a fette finissime. lasci riposare una notte. il giorno dopo il miele presente nel barattolo che ha ricoperto la cipolla è diventato piu liquido e imbevuto di cipolla. danne un cucchiaio al giorno ai bambini, tappandogli il naso!

Commenta questo post