Un nuovo modo per restituire amore - Vivere semplice

Un nuovo modo per restituire amore

trimm2.jpg

Solo dopo 5 giorni dall’inizio del nuovo anno ho trovato un modo per restituire almeno un po’ di quello che prendo dalla vita ogni giorno. E me lo offre gentilmente il più prezioso degli eventi: il caso.

Pochi giorni fa una maestra della scuola si è rotta un braccio durante una gita nel bosco con i bambini. La mia offerta di supporto e assistenza alla nuova maestra che la rimpiazza è stata accolta e cosi da oggi mi trovo in una classe di bambini dai 3 ai 6 anni, nei panni di assistente maestra.
Ma c’è di più: la maestra è una novella diplomata uscita dal corso di formazione della scuola steiner. Quello di oggi è stato un vero e proprio battesimo di fuoco.

Lei ha tenuto testa alla classe con  racconti e  canzoncine, io ho sfoderato le mie qualità di madre prima di tutto (ovvero la pazienza, l’abilità di gestire in multitasking mille cose diverse e organizzare il tempo dei bambini colmando i momenti di incertezza nel gioco e le iniziative dei bambini che a volte sono scollegate dalla reale possibilità o capacità).

Dico grazie alla mia lungimiranza, che un giorno di 4 anni fa mi portò ad iscrivermi al corso biennale di formazione per maestre d’asilo di scuola steiner e che ora mi torna utile e prezioso, perchè mi da un minimo di credibilità rispetto alle maestre di ruolo, tutta da dimostrare sul campo ovviamente.
Dico grazie ai miei figli, perchè è per merito loro che ora mi trovo sulla soglia di iniziare un nuovo mestiere per il quale provo pura venerazione.
E lo chiamo non a caso mestiere, perchè considero il maestro colui che offre un’opera al servizio degli altri, nel più nobile dei modi, con la convinzione di lavorare per il bene comune e per creare un mondo migliore.

trim1.jpg

Considero il maestro una voce sommessa che occorre allungare l’orecchio per sentire, qualcuno che non giudica i tuoi figli ma che li ama in modo disinteressato, colui che ha fatto professione del tempo che dedica ad ascoltarli, a farli giocare mentre tu lavori.

Considero il maestro un fedele alleato dei genitori, un punto di vista da non sottovalutare ma anzi da usare come sponda per fare cordone intorno al bambino e proteggerlo dalle stupidaggi della modernità, da quella banalizzazione del mondo che non fa bene ai bambini ma neanche agli adulti. Per aiutare gli esseri umani a crescere più liberi e capaci di farsi strada attraverso il dedalo di fesserie che altrimenti gli capitano sotto gli occhi.

Fare il maestro è un lavoro duro, in cui non tieni il telefono acceso, non hai la pausa caffè, non la prendi sottogamba se lavori in coscienza e se dai il giusto valore a quello che stai facendo. Fare il maestro è un lavoro sociale, che ti cambia la vita, che ti fa dire ancora di più ogni giorno grazie, perchè posso essere utile.

Leggi altri articoli della categoria Bambini + Scuola, Genitori + Famiglia

Originariamente scritto il 06 gennaio 2009

10 Commenti per questo post

  1. Claudia ha scritto:

    Bene… allora congratulazioni e in bocca al lupo per questa nuova esperienza!
    Buona anno di cuore.
    Claudia

  2. Christina ha scritto:

    Gran donna.
    Un naturale proseguimento di te e della tua bellezza.
    Auguri Sabri.

  3. claudia ha scritto:

    Congratulazioni! Deve essere una bellissima esperienza!

  4. anna ha scritto:

    sono felice per te sabri …sai proprio in questi giorni sto facendo visita a un pò di asili vicino casa per sophia …l’asilo steineriano è troppo lontano da qui anche se il mio cuore l’ho lasciato lì…ma come vorrei una maestra come te per la mia piccola!!!!

  5. estrellazul ha scritto:

    che bello, piú che per te, sono contenta per i bambini che potranno star con te, é una fortuna poter contare con maestri con una grande energia vitale; credo poi che i bambini ti faranno galoppare nel tuo percorso di crescita personale, di cui parlavi qualche giorno fa. E’ bello poter continuare a frequentarti anche a distanza, grazie al tuo sito, un gran abbraccio a tutti voi 4.

  6. chiara ha scritto:

    Congratulazioni!
    Deve essere un’esperienza incredibile e sopratutto un augurio coi fiocchi per l’anno nuovo!

  7. simo ha scritto:

    Bene Sabri!!! Il nostro progetto prende ancora di più forma!

  8. Giancarlo ha scritto:

    Ne servono di maestre come te. Auguri.
    Giancarlo.

  9. ignazio ha scritto:

    Sembra la cosa più giusta e migliore. Tanti auguri Maestra.

  10. Lisa ha scritto:

    Ciao,

    e delle scuole Montessori che ne pensi. Abbiamo una materna montessoriana sotto casa e fra poco dobbiamo decidere per Elena … leggo, mi informo… tutto indica che è un luogo di eccellenza….. sarà vero?
    Lisa

Commenta questo post