Il dio zucca e le sue lanterne: ricette di Halloween - Vivere semplice

Il dio zucca e le sue lanterne: ricette di Halloween

Tutti parlano di Halloween, ci sono zucche dappertutto, mi sento quasi obbligata a parlarne anche io, anzi quest’anno ho proprio deciso che faccio i ravioli con il ripieno di zucca, cosi mi rendo utile, invece di stare sempre a cercare il significato delle cose.

Se amate la zucca vi consiglio di farvi un giro al mercato, i banchi sono pieni di frutta e verdura bellissimi, i colori sono cambiati ed è un tripudio di tonalità autunnali.

Ecco le mie di Halloween facili facili: i pankakes dolci con la zucca (via how to simplify food), invece del solito burro di arachidi che ormai fa anche la Calvè provate a fare in casa il burro di zucca,stupendo!! Per gli appassionati di granola ecco la granola alla zucca, abbastanza elaborata,l’hummus alla zucca.

Se non volete rifare le lanterne di San Martino o quelle dell’anno scorso sono ancora bellissime provate con delle lanterne fashion per arredare la casa. Sempre sul circuito di Marta Stewart, date un’occhiata allo speciale Crafty Halloween, sempre molto stiloso.

Ho visto questo video e ve lo segnalo per fa ridere si, ma è terribile. Secondo me è proprio la rappresentazione di quanto noi adulti siamo cinici e abbiamo un senso dell’umorismo veramente dark. I veri mostri siamo noi!

Originariamente scritto il 26 ottobre 2012

3 Commenti per questo post

  1. Mammamsterdam ha scritto:

    A) ma quanti bambini brutti ci sono
    B) ma quanti bambini sovrappeso ci sono
    C) Ma quanto erano forti quelli che invece di piangere contraddicevano la madre?
    D) Mai e poi mai lo farei. Anche se adesso sono curiosa di sapere come reagirebbero i miei

  2. Chiara ha scritto:

     
    Pensavo leggendo il post che una possibile strada possa essere quella di vivere e spiegare con semplicita' ai bambini anche quella che e' la complessita' della realtà. Perché semplice non significa semplicistico o semplificato. La realtà a volte si mostra solo in alcuni suoi aspetti o in modo esasperato e forse riuscire a dare una chiave di lettura ai bambini e' qualcosa di importante e prezioso per loro perche' divengano adulti consapevoli delle sfumature e anche per noi.
    Vi riporto brevemente qui sotto quella che e' stata la mia esperienza in questi giorni in un asilo Waldorf di Nyc – "tomba" o tempio di Halloween – dove credo abbiano cercato di fare proprio questo: dare ai bambini una chiave di lettura mostrandogli e facendogli vivere la realta' oltre l'apparenza.  Credo possiate immaginare cosa sia ny in questi giorni zucche, teschi, fantasmi in ogni dove; decorazioni improbabili in ogni casa e negozio che trasformano  gardens e vetrine in cimiteri condominiali. Persino il community garden che la scuola "affitta" per portare i bambini a giocare e' addobbato con un enorme lupo mannaro.
    Il tragitto scuola giardino e' un continuo vociare di "Halloween garden!!" e di tre/quattrenni che mantrano un "i'm not scared" e raccontano i loro appuntamenti per gli Halloween parties.
    Le maestre ignorano.
    In classe si e' parlato per tutta la settimane di raccolto.
    Il girotondo era il girotondo del contadino che raccoglie il grano (i bimbi ogni giorno nel girotondo hanno mimato e cantato le attivita' tipiche del contadino).
    Per merenda abbiamo mangiato anche semi di zucca e apple pie.
    Nei momenti di osservazione della natura si e' toccato e guardato zucche e foglie.
    Andando ai giardini ci si poteva fermare a raccogliere le foglie cadute dagli alberi.
    Per chiudere la settimana la storia raccontata e messa in scena dalle maestre era la storia di una strega che vive in una zucca e che diventa amica di una pupazzo fatto di zucca che protegge il raccolto del fattore. 
    Per celebrare il giorno del raccolto ogni bambino aveva una bellissima coroncina di fieno e fili colorati.
    Credo che tutto questo possa contribuire ad arricchire la vita interiore e l'esperienza dei bambini (e adulti),  a fargli vivere le sfaccettature della realta', a fargli sentire che c'e' altro oltre il "trick or treat" 

  3. sabrina ha scritto:

    grazie per il tuo contributo, moooolto interessante!!

Commenta questo post