Invenzioni tecnologiche e invenzioni spirituali.

Invenzioni tecnologiche e invenzioni spirituali

Un’invenzione tecnologica, diciamo per esempio internet, sarà meno vera solo perchè è un’invenzione? Se lo chiedeva il mio retrocervello poco fa, mentre leggevo la storia della buonanotte ai bambini ed Emilio ha detto: mamma, da quando abbiamo appeso questo acchiappasogni al letto faccio sempre sogni belli. Lorenzo Pedro, dall’alto della sua postazione al terzo piano del letto a castello ha risposto sicuro di sè: certo, non è un’invenzione tecnologica è un’invenzione spirituale. E’ la prima volta che gli sento usare la parola spirituale. Io tendo a non usarla, devo essere sincera: mi da soggezione.

invenzione

Giuro che avrei smesso di leggere e sarei corsa su a baciarlo, questo mio figlio meraviglioso, se non fosse che quel letto è cosi alto che preferisco non andarci. Non chiedetemi infatti come faccio a cambiargli le lenzuola: ha imparato a farlo da solo. Per necessità.

Inventare è un verbo ambiguo

Mi viene un dubbio: perchè si usa il termine invenzione sia per indicare qualcosa di inventato nel senso di pura fantasia, non esistente, ma si usa anche per dire di qualcosa che prima non c’era e adesso si?  L’automobile è stata inventata come Cappuccetto Rosso. Solo che la prima esiste la seconda no.

etimologia del verbo inventare

fonte: www.etimo.it

Il fatto è che chi inventa non si pone questo problema. Non conosceva qualcosa ed ora la conosce. E’ solo un dettaglio l’accertarsi che l’oggetto di tale invenzione sia vero, reale, misurabile, attendibile. Il peso della cosa ricade sul raggiungere un qualche scopo.
Proprio come fa l’acchiappasogni.

Ecco perchè ho smesso di chiedermi se Dio esiste, di cercarne le prove e le spiegazioni e ho semplicemente cominciato a credere in lui: perchè l’ho trovato. Ecco perchè ho cominciato a dare fiducia a quel lato di me che aveva bisogno di nutrirsi di temi spirituali, di giungere a qualche meta. Ecco perchè ho capito che stavo cercando qualcosa e nel lasciarmi cercare ho finito per trovarlo.

Facile no? E allora perchè ci ho messo cosi tanto?

Leggi altri articoli della categoria Semplificare

Originariamente scritto il 08 aprile 2014

2 Commenti per questo post

  1. mammamichi ha scritto:

    wow.

  2. Elisa ha scritto:

    Cara Sabrina,
    da lungo tempo, oramai, leggo regolarmente il Suo blog, da quando, molti anni fa La vidi ina una trasmissione televisiva. Nei primi anni mi piaceva molto la filosofia di vita Sua e della Sua famiglia. Nell’ultimo anno, da quando sono diventata madre anch’io, apprezzo tanto e, spesso, mi commuove, la Sua sincerità. Mi è piaciuto tantissimo l’articolo sul perché il Suo terzo figlio non va alla scuola steineriana e mi è piaciuto tantissimo questo suo ultimo post sulla sua fede. Anzi, più che piaciuto, mi ha commosso, proprio perché al fondo c’è tanta semplice sincerità. Perché, davvero, la verità rende liberi e gustosi. Un caro saluto

Commenta questo post