dieta

La dieta del deficiente

vivere semplice - foto di sabrina d'orsi

Credi che la fettina tutti i giorni sia necessaria? Certo, altrimenti come fanno a crescere sane e forti le creature? Discorsi tipici di mamme sotto l’ombrellone tra un arancino e l’altro, la pizza a pranzo e anche a merenda e per finire un bel gelatone.

Parlando di cibo il mondo si è diviso in due: ci sono quelli del mangia che cresci che sembra non vedano neanche che i  loro figli non riescono a correre in spiaggia e poi c’è la schiera dei vegetariani, vegani, crudisti e quelli del “no latte, per carità” fino ad arrivare ai fanatici del gluten-free e quelli che si vantano di aver abolito completamente i carboidrati dalla dieta, tra cui molte star americane. Ortoressici, li chiamano, quelli che vivono una vita di rinunce credendosi sani solo a costo di sacrifici inenarrabili. Non è certo il caso di mangiar solo carne fino a farsi venire la gotta ma una via di mezzo è sempre la più difficile da trovare. Basterebbe fare come si faceva quando il medico distava ore da casa: seguire il buon senso.

veronesi, la dieta del digiunoL’ultimo libro del dottor Veronesi patron dell’oncologia ci dice che un giorno a settimana di digiuno sarebbe l’ideale ma solo il pensiero puo’ far venire fame, cosa ne dite se proviamo a darci un contegno, tanto per cominciare? Lasciate perdere ogni dieta voi che entrate dalla porta della casa di villeggiatura, non si tratta di misurare pesi e calorie si tratta solo di fermarsi, ascoltarsi e capirsi. Spesso la fame è questione di noia, spesso la voglia di dolci e di grassi è il bisogno di gratificazione e il cioccolato, lo sappiamo, fa più di un complimento.

E datevi una regolata anche voi che vi svegliate presto per andare a fare jogging sulla spiaggia, non è detto che il vostro corpo apprezzi quella sudata di prima mattina seguita da una bella bottiglia di bibita gassata gelida tracannata in un solo fiato appena tornati.

smoothies

Il buon senso sta nel mezzo, la misura, la regola. Cosi fuori moda, mai come oggi, ma cosi hype appena varcate i confini dell’italianità. Provate a passeggiare nelle strade più di moda di Londra, troverete  smooties bar ad ogni angolo, green food e cibi che fanno bene al corpo e alla mente, insalate di agrumi e mango, cocktails di carote e ginger da capogiro, alimenti colorati come la curcuma che ispirano la voglia di vivere, non di ingrassare. Perché solo dai noi si continua con il fritto misto che schiaffeggia il fegato anche a 40 gradi all’ombra? Mangiare bene non è sacrificio è una vera sciccheria. 

Per approfondire:

Sei quello che mangi

Fare il pane in casa con i bambini

Insalata sul balcone

Il cibo spazzatura influenza il quoziente intellettivo dei bambini

Leggi altri articoli della categoria Vivere bene

Originariamente scritto il 27 agosto 2013

5 Commenti per questo post

  1. enikő ha scritto:

    Sottoscrivo ogni tua parola.

  2. Mamma Avvocato ha scritto:

    Dovresti vedere come e quanto mangiano i portoghesi, gli italiani in confronto sono super sani!!
    A parte ciò, io nono sono mai stata in Inghilterra ma in Scozia mi sembravano tutti grassi, dolci e fritture peggio che in Italia quindi direi che il buon senso difetta ovunque!

  3. eugenia ha scritto:

    Buongiorno e ben trovati! Ho trovato il vostro blog segnalato sul Sale e pepe Kids di questo mese. Sono una cuochina naturale e grafica editoriale e, spero, in futuro una mama che cerca il meglio per la propria famiglia Per ora studio, mi appassiono, cucino, curo il mio piccolo blog e sbircio qua e la. Vi ringrazio per questo blog interessante e pieno di spunti! Buone pappe!

  4. Me stessa - Bimbo cercasi ha scritto:

    E soprattutto mangiare bene è davvero piacevole, per il corpo e per l'anima 🙂

  5. ilrestoealtrove ha scritto:

    da Ippocrate ("la medicina sia il tuo cibo e il cibo la tua medicina") in poi, ce ne siamo un poco dimenticati…magari si preferisce anche ricorrere alla pillola dimagrante o a quella per ridurre la pressione…ma basterebbe mangiar meglio evitando le innumerevole schifezze che spesso vengono pubblicizzate come salutari…anche in cucina, il semplice è meglio! se volete potete vedere anche alcuni video e lezioni tentue dal prof. berrino di cascina rosa (istituto dei tumori, milano. se cercate in internet lo trovate sicuramente) che…è sulla stessa lunghezza d'onda!!!

Commenta questo post