crescita Archives - Vivere semplice

Tutti i tag | "crescita"

Com è fatto il cervello di un bambino? /2

Tags: , , ,

Com è fatto il cervello di un bambino? /2


Scritto il 16 luglio 2013

il cervello dei bambini

Mi è capitata tra le mani la spiegazione semplice, chiara e competetente di come è fatto il cervello di un bambino. L'autrice è una pediatra e ha tre figli. Il suo sito è un pozzo di saperi. Cosa serve al cervello di un bambino per svilupparsi al meglio? Come e perchè alcuni stimoli lo aiutano meglio di altri a crescere in armonia. Allora ho pensato di tradurlo e metterlo giu in queste mie pagine che sono sempre più un luogo di silenziosa riflessione sullo stato dell'arte della mia famiglia. Questa è la seconda parte. La prima la trovate qui.

Nel bambino piccolo il cervello si sviluppa per gradi. Ma la progressione è sempre la stessa. Si parte dal cervello più primitivo (chiamato reptiliano o comunemente il cervello dell'azione) a quello limbico (quello dei sentimenti) fino al più avanzato, la neocorteccia (o cervello del pensiero).

Ogni parte del cervello è organizzato per suddividersi i compiti di gestione della baracca…avevo promesso sarei entrata meglio nello specifico.

Il cervello reptiliano, il più antico, è preposto a gestire la sopravvivenza: i riflessi, il controllo del movimento, il monitoraggio delle funzioni del corpo e processa le informazioni che ci giungono dai sensi.

Il cervello limbico è quello che da senso e valore ai ricordi, che mette nei cassetti della memoria quello che impariamo, che influenza i comportamenti basati sulle emozioni. Ha una forte relazione con il sistema immunitario e sovrintende la nostra capacità di autoguarigione.

La parte più nuova del nostro cervello, la neocorteccia è 5 volte più grande degli altri due messi insieme e gestisce il pensiero. Gli serve più tempo per elaborare le informazioni, è la sede della consapevolezza di se ed è l'area celebrare più promettente, quella con il più alto potenziale di crescita e sviluppo in futuro. E' anche la sede del pensiero creativo, ragiona come un computer ma se sviluppato nella maniera adeguata è anche il luogo in cui si coltiva l'empatia e la compassione.

Se, abbiamo detto, lo sviluppo del cervello è direttamente proporzionale alla mielinizzazione delle stradine percorse dai nervi (passatemi il termine non proprio tecnico), è chiaro che più si lavora nella direzione di coltivare certe abitudini mentali e comportamenti appropriati più quelle diventeranno solide certezze. Finora avete trascurato di coltivare gratitudine, ottimismo e capacità di perdonare? Niente di male. La plasticità del cervello fa si che anche l'adulto possa sviluppare nuove connessioni dendridiche a patto che si lavori un po' più sodo. La strada non sarà facile da battere come quando avevamo tre anni.

Che cos'è la mielinizzazione? Essa ha un ruolo centrale: consiste nel ricoprire i nervi axon e i dedriti con una pellicola proteica protettiva. Questo meccanismo avviene utilizzando al massimo le connessioni neuronali ovvero facendo parlare tra loro le cellule nervose. 

Ripetizione, movimento, stimolazione multisensoriale sono i fondamento per lo sviluppo del linguaggio e del pensiero

Quale tipo di stimolo è più appropriato? Non per essere ripetitivi ma di certo non la tv, caratterizzata dalla deprivazione sensoriale a vari livelli. Soprattutto perchèquesti mezzi parlano esclusivamente a udito e vista. E lo fanno a bassa qualità, visto che il tubo catodico non fa altro che sparare in faccia luce pulsata negli occhi. Ma del perchè la tv proprio non va parlo meglio qui.

 

Lasciamo perdere quello che non va e pensiamo a cosa serve davvero

Per la formazione del sistema senso-motorio la ripetizione e il movimento ritmico sono fondamentali. Le esperienze legate ai sensi sono molto importanti ma qui il problema è opposto: al giorno d'oggi vista, tatto, odorato e udito devono essere protetti dalla sovrastimolazione, visto che i bambini sono letteralmente spugne e rischiano di assorbire più di ciò che è appropriato viste le loro basse capacità di discriminare e filtrare. Scoprire poi che sono proprio gli stimoli rivolti ai 5 sensi quelli responsabili dello sviluppo del RAS (Reticular activating system) ovvero della capacità di focalizzare la nostra attenzione non sembra molto strano, in un epoca in cui è esploso il famoso deficit dell'attenzione chiamato ADHD. Ma non finiremo mai di dirlo abbastanza! 

Infine parliamo degli emisferi: sapete che il RAS è il portone tra l'emisfero destro e quello sinistro? Ecco perchè la stimolazione sensoriale è cosi importante (e con essa l'educazione sensoriale), ecco perchè i sensi hanno qualcosa a che vedere con lo sviluppo dell'intelligenza, del pensiero e del benessere di tutto l'essere umano. 

E' uscito da poco in libreria un libro che parla proprio di questo argomento, qualcuno di voi lo ha visto?

Commenti (0)