Digital detox un sistema per disintossicarsi dalla tecnologia

Digital detox: una settimana per provarci

digital-detox

Quest’anno voglio fare di più del solito “Turn-off  TV weekend“: voglio sconnettermi da tutto! E lo voglio fare come metodo disintossicante non-farmaceutico contro la tecno-mania che ci ha preso tutti quanti come pazzi.

Come molti ormai sanno da più di 10 anni in America si celebra la settimana senza tv ora pare che si stia parlando del bisogno di disintossicarsi, almeno una volta ogni tanto, non solo dalla tv ma anche dal computer, dal DVD player, dall’ipod e dagli smartphone.

lorenzino2.jpg

The American Journal of Psychiatry afferma che siano 2 su 3 gli americani che soffrono di forme d’ansia e stress legate all’astinenza da aggeggi tecnologici che li tengono costantemente connessi a fonti d’informazioni o impegnati in giochi, navigazione di siti, email e messaggerie varie.

Senza contare le vere e proprie schiavitù che danno dipendenza come:

  • vedere video su You Tube
  • comprare stupidaggini ingombranti su Ebay
  • riassortire la libreria facendo esercizio con le lingue straniere su Amazon
  • andarsi a fare gli affari degli altri su Flickr.

Io personalmente vado pazza per subito.it dove ho trovato la meravigliosa casa in campagna che affittiamo tutti gli anni e non posso rinunciare a dare una sbirciatina quotidiana al gruppo Roma-Freecycle, una specie di mercato delle pulci gratis.

Leggendo su Adbusters, i promotori del geniale Buy Noting Day, scopro che hanno fatto una vera e propria guida per chi vuole intraprendere l’esperimento. Ecco qualche dritta iniziale:

Non preoccupatevi se i primi giorni date di matto abbiate fiducia, potrete accusare irritabilità, sudore e agitazione, proprio come durante una disintossicazione da sostanza stupefacente, ma presto il vostro cervello sovra-stimolato comincerà ad auto-pulirsi e vi sentirete più calmi e rilassati

lo sapevate che all’acquisto è dato in dotazione un sistema di autopulizia che si attiva in automatico se stiamo più di un tot di ore senza pungolare il cervello con telefonate, email? E’  incluso nel prezzo ma in pochissimo sanno di averlo

lorenzino

Mi sto divertendo moltissimo solo a pensarci. E anche ad andare i cercare nei miei archivi di foto qualcosa che riguardi i miei figli e le tecnologie (per adesso ci sono solo foto di bimbi che annusano la radio di papà, non sarà certo cosi per sempre…)

Non credo riusciro’ a stare lontana dal computer per quella settimana, visto che con il computer ci lavoro (a meno che non riesca a farmi venire l’influenza proprio allora) … ma almeno voglio fare uno sforzo: tenere spento il cellulare per tutta la settimana. Chi mi cerca conosce il mio numero di casa.

Prime prove di disintossicazione

L’avevo fatto già quando ero incinta di spegnere il cellulare. Avevo lasciato un messaggio sul cellulare che diceva: il mio cellulare è spento perchè sono incinta, non vorrei friggere il pupo prima del tempo, quindi chi mi vuole sa dove trovarmi. Ero rimasta sola per un paio di settimane, nessuno chiamava a casa ed io passavo i pomeriggi al parco ad annoiarmi a morte. Poi avevo riacceso il cellulare. Mi ero accorta che molte amiche decidevano di andare al parco all’ultimo momento e mi chiamavano per dirmi: “sei al parco? allora vengo” incredibile!.

Comunque se partite da lontano (ovvero dovete disintossicarvi da 2 ore al giorno di cartoni animati ) allora vi consiglio il sito Unplug your kids, dove ci sono anche un sacco di consigli su come fare per non far si che i vostri figli si annoino a morte

Inoltre vi consiglio di leggere il nostro butta via la tele, ma questo dopo il detox week, una cosa alla volta, senno’ rischiate lo shock anafilattico.

Leggi altri articoli della categoria MEDIA

Originariamente scritto il 18 aprile 2008

3 Commenti per questo post

  1. Lory ha scritto:

    Ciao carissimi,
    volevo informarvi che non funziona il link al vostro post “Butta via la tele”. Volevo rileggermelo ma non riesco a caricarlo.
    Il link dovrebbe essere questo: http://www.vivere-semplice.org/?page_id=218.
    Avete forse cambiato qualcosa?
    Grazie e buon anno.
    Ciao
    Lory

  2. paola quintavalle ha scritto:

    Ciao!
    volevo invitarti ad approfondire sulle controverse questioni relative ad Amazon che e’ da anni al centro di una campagna di boicottaggio. Mi sembra di capire da quello che scrivi che sei una consumatrice consapevole e attenta, e mi ha molto sorpreso trovare sul tuo blog un link ad Amazon. Lo dico senza nessun giudizio, ma da consumatrice attenta e consapevole quale sembri,ti invito ad informarti.
    Un caro saluto
    Paola

  3. sabrina ha scritto:

    grazie per la segnalazione.

Commenta questo post