Benvenuti in prima classe - Vivere semplice

Benvenuti in prima classe

Ovunque vadano i vostri figli, scuola pubblica o privata, steineriana o montessoriana, non importa. Quello che conta davvero è  l’attitudine e altre alcune cose fondamentali

  • sottrarre ansia e giudizio
  • contenere gli stimoli
  • evitare di inzeppare l’agenda di impegni
  • aggiungere cura, curiosità, pazienza
  • ascolto

Se noi genitori avessimo tutto questo credo che ogni scuola potrebbe andare bene.

Ecco cosa fanno in prima elementare alla scuola steineriana, ve lo racconto perchè è affascinante e forse ognuno di noi avrebbe voluto fare una prima cosi.

Proviamo ad immaginare una linea retta verticale dritta  – dice la maestra, una signora distinta con gli occhiali e il tacchetto – proveniente da un punto indefinito sulla nostra testa che ci attraversa, percorrendo la colonna vertebrale dal cranio all’osso sacro ed uscendo dal nostro corpo al centro dei piedi.
Immaginiamola proseguire nella terra finchè, incurvandosi, possa tornare da dove è venuta e ricongiungersi in un’ideale circonferenza che abbraccia tutto l’universo. Questo ci da la misura di come noi siamo una piccolissima porzione di quella retta infinita. Siamo in una dimensione dove alla retta si alternano solo curve che definiscono delle forme. Le forme del nostro mondo e di noi stessi.

il disegno di forme
Autore: Rudolf Kutzli
Editore: Natura e cultura

In una prima classe nella scuola steineriana si comincia per alcune settimane tracciando linee rette e curve su fogli bianchi senza righe. Si chiama disegno di forme, ed è considerata una delle materie didattiche più importanti insieme al calcolo. Ma perché tanta importanza?

Il disegno di forme viene riproposto, a progressivi livelli di difficoltà fino all’ottava classe perché è considerato un esercizio terapeutico e formativo sorprendentemente efficace. Dalla traccia delle forme primarie si passa a tutte le possibili trasformazioni di una forma semplice, per arrivare alle simmetrie, ai nodi e agli intrecci longobardi (>>) in quarta classe, alla geometria in quinta.

(Hai mai disegnato o colorato un mandala per più di dieci minuti? Ne conosci gli effetti?  Leggi qui)

Una cosa inedita e un po’ complessa da spiegare che rende questa pedagogia oggetto di  fraintendimenti è che il disegno di forme (l’ars lineandi medievale) è stato spiegato da Steiner come l’espressione di una saggezza antichissima che si è tramandata nell’evoluzione dell’essere umano e che aveva e ha come obiettivo la ricerca della consapevolezza del sè. Cosa siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo?

La linea a la curva esistevano prima dell’essere umano e prima ancora della creazione del mondo.

Attraverso l’esercizio della linea retta come archetipo della forma e della curva come primo fondamentale movimento, prendiamo posto con coscienza nel mondo, acquisiamo razionalmente i concetti di collocazione nello spazio e nel tempo secondo un prima e un dopo, un alto e un basso esercitando le lateralità. Questi elementi nelle classi successive si trasformano in  simmetrie, trasformazioni delle forme,  geometria, astronomia ecc…

Se, dice Steiner,  nella linea retta è racchiusa la sfera del pensiero mentre nella curva si aprono le infinite possibilità di metamorfosi proprie della sfera del sentimento allora capiamo come l’esercizio del disegno di forme eserciti il pensiero organico vivente, un pensiero in continuo movimento, corroborato da quell’elemento prettamente umano che è il sentire e le emozioni. Un pensiero che altrimenti tende a sclerotizzarsi  nell’eccessiva intellettualizzazione di ogni conoscenza.

Mettere continuamente in metamorfosi una forma significa fare in modo che l’animo del bambino trovi un equilibrio, conformi le lateralità che sono alla base della destrezza, dell’elasticità mentale, della capacità critica e autocritica…

Per un approfondimento sul tema scaricate il pdf della studiosa Maria Angela Padoa Schioppa

Originariamente scritto il 13 settembre 2012

7 Commenti per questo post

  1. Sybille ha scritto:

    grazie, molto bello e molto interessante!

  2. zzoe ha scritto:

    come vorrei aver frequentato anch'io una scuola così….  grazie per la tua condivisione.Sara

  3. Renata ha scritto:

    Vorrei poter dare a mia nuora tutti gli strumenti per aiutare il suo bambino a crescere anche se dovesse frequentare, per motivi oggettivi, una scuola non steineriana.Voi siete per me un immenso aiuto. Avete sempre argomenti importanti per la vita di ciascuno di noi e per questo Vi ringrazio. Renata

  4. Tiziana ha scritto:

    Quando non è tutto oro quel che luccica: che delusione!
    Ieri in Lussemburgo ad una giornata porte aperte di una scuola steineriana in cui a breve potrebbero attivare un nido, quando mi soffermo a parlare per chiedere informazioni e comunico che mia figlia di poco più di 2 anni è trisomica, mi sento rispondere che, bhe, dipenderà dall'insegnante dell'eventuale classe di nido se accettare o no di prenderla in classe. Sa, aggiungono, nelle nostre classi l'insegnate è sovrana, e sta a lei la decisione…… SONO SENZA PAROLE! E io che, conoscendo il metodo e la filosofia che sottende queste scuole, mi ero illusa che quello potesse essere il posto migliore per un bambino che necessita di una cura e di un'attenzione particolare; invece no, nulla hanno che fare il metodo o la filosofia se l'insegnante non è d'accordo.
    Scusate lo sfogo, ciao. Tiziana.

  5. sabrina ha scritto:

    Mi spiace Tiziana, questo è veramente indecente. E l'indecenza è dappertutto, ahime, il metodo non centra niente, sono le persone il problema. Per fortuna non capita solo in Italia!!

  6. edi biondini ha scritto:

    Gentile signora dal titolo del suo articolo e dai primi disegni presentati si deduce che quelle siano le forme per la prima classe. Non è così, gli intrecci si disegnano in quarta classe. Presentarli così è un errore.Vero è che il disegno di forma è meraviglioso e che parla dell'organizzazione del nostro mondo.
    cordialmente Edi Biondini

  7. lucia ha scritto:

    Salve..che bello questo post! Mi sono sempre chiesta a che scopo nella scuola tradizionale venga fatto fare ai bambini la cornicetta classica che deve rispettare i quadretti del quaderno..c’è uno scopo? A cosa serve?

Commenta questo post