Sai perchè lo hai comprato? Il marchio che aiuta a capire - Vivere semplice

Sai perchè lo hai comprato? Il marchio che aiuta a capire

Odio fare la spesa, sono allergica agli ipermercati e non amo stare in fila alla cassa di un superstore. Ma devo ammettere che il posto in cui faccio la spesa con meno rancore è la COOP. Considerando che ogni volta che entri in un supermercato stai arricchendo qualche gigante del commercio andare alla COOP mi fa venire la sensazione che si stia remando nella giusta direzione: distribuire gli utili di un commercio in larga scala a tanti e non solo ad uno, i soci della cooperativa.

Sul sito www.progettieducativicoop.it/ho trovato un progetto che mi ha fatto dire: vedi? quelli della COOP sono dei grandi.

Si chiama Sapere coop ed è un lavoro ormai ventennale fatto in collaborazione con il Miur per stabilire delle Linee guida dell'educazione alimentare nella scuola italiana e fornire orientamenti innovativi in tema di educazione alimentare e consumo critico.
Da quest'anno poi hanno impreziosito la qualità del loro lavoro affidando lo sviluppo creativo a Pietro Corraini, che sa farsi notare per lo stile della grafica e l'attenzione ai dettagli. Risultato? Un piccolo capolavoro ad uso e consumo delle scuole, per dare strumenti e cercare di capire meglio le dinamiche del consumo attivo, che è guidato prima di tutto dall'edonismo, ovvero dalla ricerca del piacere e non dal bisogno, come per lungo tempo ci hanno raccontato gli economisti.

In pratica mangiare o in generale consumare quello che ci fa star bene è molto diverso dal soddisfare un semplice bisogno e puo' essere molto più vicino al consumo responsabile di quanto pensiamo.  

Quello che ci fa star bene è fatto della stessa materia di quello che fa star bene il pianeta, la società, tutti. Non è detto che per vivere bene su questa terra abbiamo bisogno necessariamente di consumarla, strattonarla e impoverirla.  Fenomeni sociali diffusi tra le giovani generazioni come il consumo compulsivo, le shopping generation e le varie dipendenze ad esso associate non costituiscono la società del benessere e della felicità ma anzi al contrario sono manifestazioni di disagio che prima di tutto devono essere individuate e spiegate ai giovani stessi. 

Questo progetto si articola con proposte operative direttamente sul territorio attraverso scuole di ogni genere e grado. Scaricate questa bellissima grafic novel da leggere in pdf gratuitamente, e i  materiali da scaricare se siete degli insegnanti per avere la possibilità di partecipare a progetti educativi scolastici per i quali è richiesta la partecipazione entro il 31 ottobre 2012. E' materiale prezioso che merita di essere considerato. Dateci un'occhiata!! 

Leggi altri articoli della categoria Vivere bene

Originariamente scritto il 15 ottobre 2012

Commenta questo post