Interrompere il quotidiano

Interrompere il quotidiano

Andrea mi bussa alla spalla e mi dice: ti fermi un attimo di lavorare? No, gli rispondo non ho tempo. Lui si siede sul divano e riprende a pagina 312 del libro che sta leggendo 

Io mi giro di colpo verso di lui perchè mi sono accorta di aver detto la cosa sbagliata. Poi mi siedo vicino a lui e di colpo mi viene un sonno maledetto. Sono le tre del pomeriggio non posso avere sonno.

Me lo aveva detta la mia maestra di yoga: se appena ti fermi ti addormenti c'è qualcosa che non va, hai le batterie a zero. Il medico mi ha anche detto che sono disidratata perchè non bevo mai. Non ho tempo di bere, gli ho detto.

Cosa, Sabrina, anche tu non hai tempo? Proprio tu che solo qualche mese fa andavi in giro predicando IO HO TEMPO, proprio tu? Ammetto. 

Ma è proprio per questo che sto per interrompere questo vortice in cui sono finita. Perchè tutto ciò non fa per me. Voglio smettere di correre e godermi un po' il processo, stare nel mentre, godermi il vuoto che c'è tra un fare e l'altro

In questo periodo avrei bisogno di capire che cosa provo e perchè ho un ronzio in testa che mi impedisce di sentirmi. Allora sono andata a ristudiarmi la classificazione delle emozioni secondo il genio di Robert Plutchik, (approfondisci qui)  uno psicologo che ha intrapreso gli studi preliminari che hanno dato vita alla classificazione della comunicazione non verbale, della fisiognomica e di tutta quella sfera legata alla comunicazione delle proprie emozioni attraverso l'universale linguaggio della gestualità e delle espressioni.

La mappa non mente, io so perfettamente dove mi trovo: le mie aspettative mi mangiano l'attimo, ho paura di sbagliare, provo la delusione di chi è vittima dell'ansia da performance e sa perfettamente che non esiste vittoria, non eiste neanche la performance.

Tra l'altro se osservate bene la mappa capite anche perchè il mondo va un po' a rotoli: su 8 tipologie di emozioni  6 sono negative (quelli blu) e solo 2 positive.

  1. Aggressività
  2. Disprezzo
  3. Rimorso
  4. Delusione
  5. Spavento
  6. Sottomissione

vs

  1. Amore
  2. Ottimismo

Io dico grazie perchè questo spazio mi permette di pensare ad alta voce,  di rimettere a posto i pensieri nei cassetti, di lavorare su me stessa, di vedere nero su bianco i paradossi che vivo, le continue incongruenze che sperimento, il bisogno senza fondo di capire. A volte vado a rileggere indietro e scopro che più o meno sto allo stesso punto di 8 anni fa. Ma l'importante è provarci.

Una frase che oggi mi da forza e nella quale credo e mi impegno è: agisci come se ogni giorno fosse l'ultimo e progetta come se avessi difronte l'eternità. (Marco Aurelio)

Leggi altri articoli della categoria Ritmo della vita

Originariamente scritto il 28 dicembre 2012

5 Commenti per questo post

  1. simplymamma ha scritto:

    quella del sonno e dell'acqua…è meravigliosa!!! sono io. e non ne posso più. e non sempre è colpa nostra quando io cerco di girare la lancetta sull'ottimismo e magari mi faccio un bel saluto al sole mattutino per cercare di sorridere al mondo ecco che fino a sera la cucciola ha 39 di febbre, la notte dormo mezz'ora ora lei è di la che piange e io qui come un isterica pronta ad esplodere.  scusami è uno sfogo. ma credimi sono al limite! mi vado a vedere i tuoi link.

  2. sara ha scritto:

    E' vero l'importante è proprio provare. grazie per la tua riflessione che diventa un pò anche la mia di questi giorni…. il regalo più grande che mi posso fare sarà quello di fermarmi, di spegnere, di sorridere;-)
    .

  3. Lena ha scritto:

    Grazie di cuore per questo post …negli ultimi due mesi e mezzo per me è stato così e il tempo mi è sfuggito tra le mani, manco fosse sabbia…mi sono sentita proprio come descrivi tu  ho perso tappe importanti per seguirne altre di pari importanza…e voglio anche io leggere, rilassarmi e fare i miei grafici a torta…credo siano molto utili questi esercizi e tali letture. Ti automotivano. Questo tempo da questa Domenica rallenterà… Buona ultima Domenica di Avvento.

  4. mariaclaudia ha scritto:

    io dico sempre, non guardare a quello che dico, ma a quello che faccio, e anche tu, vedo che stai già pensando non a progetti ma a soluzioni

  5. lucia ha scritto:

    Bello. Grazie. Sarà che anch'io sono esaurita – già, proprio la parola che mi è venuta in mente pochi giorni fa, ho sentito proprio di avere le batterie esaurite – e mi sto rendendo conto che è ora di fare qualcosa. Urge cambiamento. Sto cercando di capire la direzione, ma perlomeno ho capito che c'è una qualche direzione da prendere. Nel lavoro come nella vita privata. Fino a poco tempo fa non lo sapevo.
    Vado a vedere anch'io i tuoi link.

Commenta questo post