geometria Archives - Vivere semplice

Tutti i tag | "geometria"

foto: chalkboarddrawing.org

Tags: , ,

Come posso aiutare mio figlio ad amare la geometria?


Scritto il 05 novembre 2013

I ragazzi di oggi hanno bisogno di essere stupiti e noi adulti brancoliamo nel buio, è un dato di fatto. E forse è sempre stato cosi di generazione in generazione! Io voglio tentare di raccontarvi come si fa geometria nella scuola fantastica di cui sempre vi parlo, quella steineriana, pensando di fornirvi una  fonte di ispirazione e qualche idea da mettere in atto con i vostri ragazzi.

Sfida n.1

Cosa succede se costruisci un poligono di 18 lati e congiungi ogni angolo con tutti gli altri?

Hai mai provato a chiedere una cosa del genere a tuo figlio di prima media? La geometria potrebbe essere un’ottima occasione per esplorare insieme il mondo delle forme che avevamo provato ad indagare negli anni passati scarabocchiando insieme ai bambini. Loro vedrebbero gli adulti che non sanno altro che dire fai i compiti sotto un’altra luce se gli proponessimo sfide del genere. 

Sfida n.2

Che succede se su una circonferenza si riporta per 6 volte il raggio e si disegnano, attorno ai sei punti di intersezione, dei cerchi aventi il medesimo raggio?

Proviamo a soffermarci sulla sperimentazione delle forme geometriche, (ricordate quando abbiamo provato a disegnare e meditare con  i mandala?) Divertiamoci a costruire forme geometrice insieme a loro prima ancora di pretendere che sappiano dimostrare qualche teorema o formulare aree o volumi. Possibile che non sappiamo più divertirci con nulla noi adulti? E come pensiamo che possano divertirsi i ragazzi allora?

foto: chalkboarddrawing.org

Dategli tempo: l’esigenza di trovare un nesso causale (= conosco la misura dei lati del triangolo quindi ora voglio scoprire l’area) arriva insieme ad una competenza specifica che i ragazzi stanno per conquistare:  l’astrazione.

La capacità di astrarre

Una volta conquistata  la capacità di usare un pensiero astratto quello non ci abbandonerà mai più, a meno che non siamo artisti o geni. Possiamo provare il gusto di astrarre  perchè ci siamo arrivati con le nostre forze oppure possiamo semplicemente astrarre perchè ce lo chiede il prof. Voi cosa preferireste?

Se siete daccordo con me a concedere ancora un po’ di tempo a questi ragazzi per lasciarli nel brodo della sperimentazione, della scoperta del bello e proponetegli giochetti come questo:

Vivere semplice ha come unico obiettivo quello di restituire un po’ dell’ispirazione che abbiamo ricevuto. Pensate se ognuno di noi facesse lo stesso con ciò che lo ha ispirato. In effetti ora che ci penso internet è proprio questo: condivisione di ispirazioni!

disegni by pinterest – disegno alla lavagna by www.chalkboarddrawing.org

Commenti (1)

imparare a pensare sabrina d'orsi tutti i diritti riservati

Tags: , , , , , ,

Impara a pensare! Non fidarti solo di quello che ti insegnano


Scritto il 23 agosto 2013

imparare a pensare sabrina d'orsi tutti i diritti riservati

Ciò che è vero deve essere sperimentato. Non si puo' solo crederci. Ma se dall’Antichità al Rinascimento, da Pitagora a Keplero, aritmetica, geometria, musica e astronomia hanno indagato il numero, lo spazio, il suono e il movimento dei corpi celesti una ragione ci sarà o no?. 
Queste quattro discipline venivano già pensate e insegnate da Platone come un insieme unitario, che fondeva lo studio degli oggetti matematici con l’aspirazione filosofica al vero, al bello e al bene. 

quadrivium

Ed è proprio questo di cui mi piace parlare: il vero, il bello e il bene. Che sono i tre pilastri della pedagogia di Rudolf Steiner (della sua apparentemente strampalata importanza al disegno di forme) e che sono i tre motivi principali per:

1. Non  mentire a noi stessi e agli altri  (la verità è più vispa, più scandalosa, più folle e più invidiabile di ogni banale menzogna).

2. Non abbrutirsi per esempio davanti alla tv (ho detto per esempio), perchè c'è davvero di meglio da fare nella vita e non è detto che debba essere fatto perchè è più bello ma perchè ci piace di più. (Ma noi lo sappiamo ancora quello che ci piace di più?)

3. Non rassegnarsi a pensare che se fai bene o se fai male è uguale. Non è cosi. Ognuno di noi dovrebbe fare il meglio che puo'.
Il bene è un circolo virtuoso, porta lieto fine, soddisfazione, fa quadrare il cerchio, riunisce ciò che era diviso, risale all'unità attraverso una progressiva semplificazione. Il meglio è semplicemente il meglio. Tutti sappiamo riconoscerlo.  

Di male in peggio si entra  in un circolo vizioso, che alimenta astio, guerra, delusione ed altro astio. 

La parola chiave è meglio. (l'hai letto il post su "fai il tuo meglio?")
Allora vi chiederete cosa c'entra il meglio con questo libro? C'entra che mentre lo leggevo mi sono chiesta:

se un bambino a scuola chiede alla maestra: perchè ci sono 60 secondi in un minuto e 360 gradi in un angolo? la maestra saprà spiegargli Il perchè? Questo libro si.

se un bambino arriva dalla maestra e chiede: "perchè lo zero si scrive come una O?" la maestra che avrà letto questo lirbo si avvicinerà  piano alla sua classe e con voce misteriosa comincerà a raccontare questa storia:

 

 

 

 

C'era una volta un indiano che si sedeva tutti i giorni in spiaggia per contare. Usava un ciottolo per fare i suoi conti sulla sabbia e quando aveva finito di contare riponeva il suo ciottolo sulla sabbia. Un giorno, arrivò nel posto in cui si sedeva tutti i giorni e prese il ciottolo tra le mani. Si accorse che togliendo il ciottolo dal suo posto e lasciando quindi il vuoto, il niente,  c'era una forma circolare al suo posto. Una traccia visibile a forma di O di qualcosa che non c'era più. Era nato lo zero.

Non vi piacerebbe che i vostri bambini imparassero i numeri cosi? Riflettendo sulla loro vita, su come i numeri sono tutti dentro di noi, nella nostra vita, nelle nostra membra. Le nostre dita ci parliamo del dieci, il nostro stesso io ci parla dell'unità, che è la più preziosa. Da essa si dipana tutta la matematica. Non è il risultato che conta, sono gli addendi, le individualità, noi.

Questo libro vi piacerà. Anche le illustrazioni sono fantastiche. E non vi incazzate con le maestre dei vostri figli, spesso devono seguire dei programmi ministeriali più freddi di un cadavere, magari questo libro regalateglielo senza dire una parola. Chissà che non riscaldi un po' il cuore…

 

Quadrivium
numero, geometria, musica, astronomia
Sironi editore
Prezzo di copertina: 21 euro

Comments (6)