consapevolezza Archives - Pagina 2 di 3 - Vivere semplice

Tutti i tag | "consapevolezza"

Vivere nel presente

Tags: , ,

Vivere nel presente


Scritto il 01 ottobre 2014

Vivere nel presente, 16 pagine di dritte, consigli, esperiimenti

Vivere nel presente è un quadernino di 16 pagine, il primo di una serie in preparazione, che ha come obiettivo dare strumenti, consigli, dritte e idee per tutti coloro che vogliono vivere meglio ed essere più felici. Genitori che vogliono vivere al meglio la relazione con i loro figli, persone che cercano un cammino per semplificare la loro vita, riducendo al minimo le dinamiche conflittuali, gli scontri e i problemi per trovare una calma, una quiete e una centratura di base della propria vita.

Il presente è complicato!

Viviamo una vita estremamente indaffarata e frenetica. Siamo sempre impegnati a fare qualcosa e quando crediamo di riposarci in realtà ci mettiamo a pianificare il futuro, recriminare il passato, rimanere delusi dal comportamento degli altri. E siamo cosi distratti che non ci accorgiamo neanche che stiamo vivendo in apnea, a meno che qualche malanno o qualche guaio non venga a ricordarci quanto eravamo fortunati prima.

Perchè siamo diventati cosi?

I motivi li conosciamo, certamente non è colpa nostra, stiamo solo trovando un modo per adattarci alla realtà che ci circonda. E di cosa avremmo bisogno per ritrovare il nostro equilibrio? Dovremmo trovare un modo per non farci travolgerci da tutto, un punto di quiete, una zona neutra.

Quel punto di chiama presente. Ce l’abbiamo davanti al naso e non lo vediamo neanche (come la maggior parte delle nostre opportunità).  E’ uno spazio-tempo talmente inafferrabile che non sappiamo neanche dove cercarlo. Se lo trovassimo o imparassimo a rinoscerlo ci darebbe proprio quello che ci manca, quel senso di pace e benessere che ci sfugge ogni giorno. Quella forza per affrontare tutto.

Non si tratta di mettersi in posizione yoga circondati da incensi, parlo di azioni pratiche e materiali, da svolgere nella routine quotidiana. Una bella sfida, se sappiamo coglierla.

Imparare a vivere nel presente

Vorremmo imparare a vivere nel presente e insegnarlo ai nostri figli, ma viviamo anche una contraddizione: se mi concentro sul qui e ora perdo di vista qualcosa? Abbiamo sempre paura di perderci qualcosa ed è scientificamente provato: non puoi fare tutto (anche se con il multitasking ci hanno insegnato che si puo’). Quindi se scegli di fare una cosa necessariamente ne perderai un’altra. Come facciamo?

corso in PDF: 3 euro

Vivere nel presente
Vivere nel presente
PDF di 16 pagine da stampare con esercitazioni, consigli ed esperimenti per tutti coloro che vogliono essere calmi, centrati, pazienti e trovare la giusta direzione della loro vita
€3.00

Come usare al meglio queste pagine

Il pdf di 16 pagine da stampare contiene tanti consigli e punti di partenza per iniziare fin da oggi a vivere nel presente. Non devi metterli in pratica tutti allo stesso tempo! Procurati un quadernino e metti nero su bianco quando e come vuoi provare ad adottare le tecniche che ti suggerisco. Tenere un diario dei tuoi progressi (o un blog perchè no!) ti aiuterà a concretizzare il tuo percorso di crescita.

Sostieni il mio lavoro! Compra il mio quadernino te lo offro ad un prezzo ridicolo frutto di tanto lavoro e di tante riflesssioni.  Il mio entusiasmo è animato dal fatto che io stessa sono cambiata molto in questi anni, grazie ai pensieri che riporto proprio qui. Si puo’ fare molto materialmente con i bambini e con se stessi per migliorare la propria vita e semplificarsela un po’.

corso in PDF: 3 euro

Vivere nel presente
Vivere nel presente
PDF di 16 pagine da stampare con esercitazioni, consigli ed esperimenti per tutti coloro che vogliono essere calmi, centrati, pazienti e trovare la giusta direzione della loro vita
€3.00

Non hai un conto paypal, scrivimi e ti manderò le coordinate per fare il pagamento. Il tuo corso verrà spedito direttamente nella tua casella email nell’arco di poche ore. Grazie

ATTENZIONE: Se qualcosa non funziona scrivimi e troverò il modo di risolvere il problema al più presto mandandoti in più un omaggio per la tua pazienza e il tuo aiuto. Grazie

Commenti (1)

vacanze semplici

Tags: , ,

Vacanza semplice per famiglie semplici


Scritto il 07 settembre 2014

Ridete si, ridiamo insieme. Può sembrare ridicolo pensare a fare delle vacanze semplici insieme ad altre persone che hanno bisogno delle stesse cose di cui hai bisogno tu. Come trovo queste persone? Dove le cerco? Cosa gli dico?

Eppure in questi giorni mi è successa una cosa inaspettata e piacevole: un lettore di Vivere semplice ha invitato me e la mia famiglia ad unirci ad un gruppo di famiglie che si è auto-organizzato per dare vita ad una vacanza semplice. Tende da campo, cucina spartana, docce all’aperto e un grande spazio verde ai piedi del Gran Paradiso sono state il teatro di una vero e proprio esperimento di semplicità volontaria.

In pratica l’idea era quella di mettere insieme una bel gruppo di persone, più della metà bambini di tutte le età per fare passeggiate, escursioni, giochi, canti e falò sotto lo stesso cielo, per passare del tempo insieme e per condividere qualcosa di immateriale e prezioso: il valore della semplicità.

vacanze semplici

Quello che ho imparato

La semplicità richiede motivazione perchè non è sempre facile dormire al freddo se in tasca hai una carta di credito che ti permette di rifugiarti nell’hotel più vicino.

La semplicità richiede organizzazione se vuoi fare la spesa e cucinare per tante persone senza sprecare, senza esagerare ma senza che manchi nulla per nessuno

La semplicità richiede tolleranza se vuoi condividere un’esperienza con gli altri e imparare da loro devi aspettarti anche che abbiano modi diversi dal tuo e devi darti il tempo per capire le loro motivazioni

La semplicità richiede coraggio perchè è molto più facile rinchiudersi nei soliti schemi che non affrontare discorsi seri con degli sconosciuti sui valori, sulle cose che contano e sull’essenziale

Non conoscevamo nessuno ma abbiamo riconosciuto intenti e obiettivi affini e la stessa voglia autentica di mettersi alla prova nella vita comunitaria ed essenziale. Abbiamo conosciuto persone simili a noi e altre molto diverse, abbiamo resettato i nostri orari, tempi e routine per adeguarci al gruppo, abbiamo osservato le dinamiche famigliari degli altri e imparato delle cose e capito che alcuni modi vanno bene per gli altri e non per noi e viceversa. Sono stati pochi giorni ma molto intensi.

E’ stato utilissimo e commovente vedere che non siamo soli nella ricerca di quello che conta davvero. La cosa più importante di questa esperienza è stata l’esperienza in sè, quello che mi sono portata a casa è stata la consapevolezza che l’unico tempo di qualità da passare con i nostri figli è ora, che il libro più bello del mondo è quello che sto leggendo ora e che oggi è l’unico giorno a mia disposizione per giocarmi le mie carte.

Ecco perchè ho scritto Vivere nel presente, un piccolo quadernino di 16 pagine, il primo di una serie che sto preparando, e che ha come obiettivo dare strumenti, consigli, dritte e idee per i genitori che vogliono vivere al meglio la relazione con i loro figli e per tutti coloro che cercano un cammino per semplificare la loro vita, riducendo al minimo le dinamiche conflittuali, gli scontri e i problemi per trovare una calma, una quiete e una centratura di base della propria vita.

Tra pochi giorni sarà disponibile per voi.

Comments (5)

perchè vivere in una casa piccola è una liberazione

Tags: , ,

Vivere in una casa piccola è una liberazione


Scritto il 04 settembre 2014

Vendi le tue cianfrusaglie, estingui i tuoi debiti e vai a vivere in una casa piccola! Non è un sogno, è realta: cosi puoi ritrovare la tua libertà.

E’ questo lo slogan del movimento Small House Society che sta prendendo sempre più piede in America e in giro per il mondo. 

Gli stili di vita stanno cambiando rapidamente e i bisogni delle persone con un certo grado di consapevolezza definiscono nuove mode, nuovi consumi. Questa volta si tratta di conquistare sempre più libertà dalle oppressioni della quotidinità: vivere in una casa piccola ti restituisce libertà perchè smetterai di avere il mutuo da pagare o potrai ridurlo, le bollette scenderanno drasticamente cosi come le spese fisse (condominio, ICI, etc).

Inoltre, avere meno spazio per tenere gli oggetti sarà un gran buon motivo per tenere solo quello che ti serve davvero, per smettere di comprare cose che gratificano solo apparentemente il tuo ego, smettere di desiderare oggetti che non ci servono e per tenere più in ordine gli spazi con un chiaro beneficio anche per il tuo ordine mentale interiore.

Vivere una casa piccola con tre figli  vuol dire decidere di fare delle scelte: non si puo’ tenere tutto, si devono organizzare e condividere degli spazi, imparare a fare i compiti nella stessa stanza, leggere in silenzio quando gli altri dormono. In pratica significa imparare a misurarsi con alcuni limiti.

perchè vivere in una casa piccola è una liberazione

Foto: Jay Austin

 

Una macchina nuova? costa solo 19 euro al mese.

Avete notato che ultimamente tutto si vende a 19 euro al mese, 9 euro al mese, 1 euro al giorno? Sembrano solo pochi spicci che ci possiamo permettere in realtà ci stiamo indebitando come non mai nella storia della società contemporanea.

Il movimento delle case piccole (the tiny house movement) è cresciuto negli USA proprio per combattere la tendenza che abbiamo nello scegliere case grandi e comode e riempirle di oggetti che non ci servono, con il risultato che il peso economico delle nostre scelte rischia di schiacciarci o di riempirci di debiti e di motivi per cui non dormire la notte.

Avere case grandi sta rapidamente smettendo di essere un cliché per trasformarsi in un vetusto status symbol che non interessa di certo alle persone che hanno a cuore quello che conta davvero.

E voi che ne pensate?

Rientrate tra quelli che hanno case piccole e non hanno il mutuo da pagare (in America sono il 68%) oppure avete fatto follie per avere una casa meravigliosamente comoda e spaziosa (29% degli abitanti USA) e ora siete felicissimi di lavorare un po’ di più per pagare le spese? Avete fatto una scelta sbagliata e volete rimediare? L’importante è guardare diritto sulla nostra strada, non avere paura, individuare quello che non va e mettersi sulla strada del cambiamento. Quello che occorre fare è vivere nel presente e fronteggiare le scelte fatte in passato che è arrivato il momento di cambiare.

Dell‘imparare a vivere nel presente vi parlerò prestissimo, per ora guardate l’infografica riportata nell’articolo che mi ha ispirato per parlare di questo argomento.

TinyHouses-Infographic

 

Comments (16)

viveresemplice - 3 cose che puoi fare per migliorare abitudini

Tags: ,

3 cose semplici da fare per migliorare le tue abitudini


Scritto il 23 agosto 2014

viveresemplice - 3 cose che puoi fare per migliorare abitudini

Alla base del vivere semplice ci sono poche ed essenziali cose: le buone abitudini sono una di queste. Saperle gestire senza rimanere intrappolati dalla routine è una delle competenze più utili che puoi costruirti per semplificarti la vita. Ovviamente devi valutare i pro e i contro delle abitudini per capire se questa strada è percorribile per te.

Se senti la necessità di semplificare probabilmente è perchè consideri la tua vita caotica o faticosa e vuoi migliorare le tue abitudini (di salute, lavoro o più in generale di vita). Il problema è che può essere più difficile di quanto immaginavi.

Ecco qualche dritta per creare migliori abitudini, eliminare quelle cattive ed occuparti degli obiettivi che ti sei dato o stai tentando di darti senza distrazioni

1. Scegli un obiettivo piccolo

L’impegno è la parte più importante nella costruzione di una nuova abitudine: non importa quanto bene riesci a portare a termine ogni giorno quello che ti sei ripromesso di fare, l’importante è che trovi il tempo di farlo. Meglio che puoi.

Perchè nell’incorporare all’interno della propria giornata una nuova piccola routine c’è sempre quella parte di noi che dice: “adesso non posso, lo faccio dopo“. Datti un’obiettivo piccolo e mantienilo inesorabilmente. Per esempio:

  • Vuoi costruire l’abitudine di fare esercizio fisico? Il tuo obiettivo è quello di esercitarti oggi per un minuto
  • Vuoi iniziare un’abitudine scrittura? Il tuo obiettivo è quello di scrivere tre frasi al giorno solo per oggi.
  • Vuoi creare l’abitudine di mangiare sano? Il tuo obiettivo è quello di mangiare un pasto sano questa settimana.

Non darti obiettivi troppo ambiziosi, non devi iscriverti in palestra, scrivere un libro, o cambiare completamente dieta.

Alcuni pensano che sia utile parlare a qualcuno della tua piccola impresa: raccontare quello che stai facendo ti farà sentire più responsabilizzato nei confronti degli altri e quindi di te stesso. Ma io penso esattamente il contrario: non dire a nessuno che hai smesso di fumare o che hai iniziato a fare yoga 10 minuti al giorno: infondo non devi dimostrare niente a nessuno. Parlane con gli altri (se ti fa piacere) solo quando sai di avercela fatta. E’ più facile e non ti sentirai addosso il peso delle aspettative e dei giudizi altrui.

2. Guarda in faccia gli ostacoli

Hai scelto di creare una piccola nuova routine nella tua vita, che ti rende felice e ti rende consapevole di quanto vali e di quanto è importante essere presente a se stessi: ti fa sentire più calmo e più stabile. Ma sono molti gli ostacoli che si frappongono tra te e la tua nuova abitudine.

E’ venuto il momento di guardarli uno per uno e cercare di eliminarli. Devi capire come rimuovere gli ostacoli che ti infastidiscono scomponendo in piccoli pezzi le tue azioni e guardando quali sono quelle che pongono degli ostacoli oppure guardare come si comportano le persone che riescono a mantenere le loro abitudini a lungo.

3. Sviluppare una exit strategy

Se il tuo obiettivo è diventare un genitore calmo, paziente e gentile dovresti iniziare a leggere le mie strategie per genitori. Se perdi la pazienza ho gia parlato della exit strategy, ovvero di una soluzione pronta all’uso per quando perdi cosi tanto la pazienza che non sai che altro fare se non urlare e sbraitare.

Se l’abitudine che vuoi creare è di altro genere ti consiglio di crearti comunque una strategia d’emergenza per quando le cose cominciano ad andare male e la tua nuova abitudine sta per andare a farsi benedire. Una di queste è mettere in conto il fallimento temporaneo, sappi che capita a tutti. Puoi mollare un giorno ma il giorno dopo deve suonarti un campanello cosi forte da svegliare tutto il vicinato.  La exit strategy è proprio questa: perdonati per non essere un automa, una perfetta macchina da guerra.

Sei solo una persona che sta imparando a migliorarsi.

Questa è la traduzione, rivista e ampliata, di un post trovato sul blog di James Clear (un membro della corrente mi

Commenti (1)

Prepararsi per gli imprevisti: come essere pronti a tutto

Tags: , ,

Prepararsi per gli imprevisti: come essere pronti a tutto


Scritto il 07 agosto 2014

I giorni di vacanza sono anche un momento per fare il punto della situazione: vedere cosa c’è nella mia vita, eliminare l’inutile, capire quali sono le zavorre e le perdite di tempo, creare un piccolo spazio mattiniero solo per me di cui vi parlerò presto e prepararmi ad accogliere il nuovo.

Le domande sembrano semplici come al solito ma non lo sono.
Cosa è inutile? Lo è davvero? E se mi serve domani? Dove lo metto?

vento

Raffiche di vento sulla pericolosissima Scala dei Turchi

Ci sono vari modi per prepararsi ad accogliere (o affrontare) il nuovo e l’imprevedibile (un nuovo progetto, un lavoro, la crisi, una perdita, una discussione con una persona cara, o l’apocalisse).

Un modo è quello di organizzarsi e tenere tutto pronto per qualsiasi evenienza, ma questo implica uno sforzo enorme perchè non puoi prevedere cosa arriverà e rischi di passare la vita a prepararti per tutto e non essere mai davvero pronto.

Un altro modo è imparare alcune abilità di base che ti fanno sentire pronto a tutto: una specie di kit di sopravvivenza agli imprevisti.

KIT

Il kit di sopravvivenza

La base. Prima di tutto dobbiamo occuparci di un paio di dettagli fondamentali sistemati i quali possiamo allungare lo sguardo e il respiro: se hai dei debiti devi trovare il modo di estinguerli o creare un piano per rientrare  il più presto possibile, avere un fondo di emergenza, spendere meno di quanto guadagni, investire i risparmi.
Se hai dei problemi di salute te ne devi occupare subito, non rimandare. Investi parte del tuo tempo nel mangiare più cibi integrali e meno elaborati e dedica un po’ di tempo tutti i giorni per  tenerti in forma. Se ti occupi di cose pratiche relative al tuo benessere ti sentirai subito meglio.

Consapevolezza. Inizia con una piccola meditazione quotidiana – concentrati sul respiro per pochi minuti ogni mattina e comincerai a sviluppare una nuova attenzione, sarai più presente, più vigile e più capace di influenzare positivamente il tuo umore. Saprai governare meglio stress, ansia, rancore e avrai più potere decisionale su te stesso perchè saprai riconoscere meglio i tuoi sentimenti e vederli per quello che sono realmente. Trova il tuo modo, puo’ anche non essere yoga, ma deve essere un’attività che risveglia la tua consapevolezza.

Lasciar andare. Impara ad accettare le cose che succedono senza prenderle come un accanimento personale. Non  sempre è possibile fare quello che vorremmo o a farci considerare per quello che realmente siamo. Pazienza! Saper accettare le situazioni difficili è frutto di grande pace interiore. Al contrario non essere in grado di accettare porta a grande sofferenza.

Rimanere dentro le situazioni difficili. Accettare la realtà per quello che è in quel momento non significa rimanere inermi. Significa accettare anche il dolore che proviene dalla delusione  e poi capire come rispondere  senza la rabbia, frustrazione, ansia, risentimento. Non scappare dalle situazioni difficile ma fermasi a guardarle con il maggior distacco possibile, e darsi tempo per reagire senza rabbia o frustrazione ma con calma e compassione.

Gratitudine. La realtà può essere davvero dura in certi momenti, possiamo lottare per cambiarla o accettarla per quello che è, ed essere grati per questo. Certo questo shift mentale richiede pratica, perché è difficile essere grati quando senti che sei stato trattato male, o hai perso un lavoro, o hai perso una persona cara, o stai combattendo una malattia. Questa è la realtà che hai in questo momento, non l’ideale che avresti voluto. Ed è una realtà che contiene bellezza, se scegli di vederla.

Questa è la traduzione, rivista e ampliata, di un post che Leo Babauta ha scritto sul suo blog Zenhabits.org che, se leggete l’inglese vi invito a leggervi tutto d’un fiato. E’ meraviglioso.

Comments (4)

La cosa più importante che hai è gratis ed è illimitata

Tags: , ,

La cosa più importante che hai è gratis ed è illimitata


Scritto il 04 agosto 2014

attenzione: l'unica risorsa gratis e illimitata che possiedi

La cosa più importante che hai è la tua attenzione.
E’ gratis ed è illimitata se sai gestirla nel modo giusto. Puoi produrla a zero costi, puoi regalarla agli altri e puoi anche decidere di sprecarla.
L’unico problema è che hai un tempo limitato per usare tutta la tua l’attenzione: è la tua giornata.

Ogni giorno ci facciamo incastrare da un sacco di distrazioni, alcune sono maledettamente cool, ma riuscire a tenere l’attenzione su ciò che conta davvero (almeno per 10, 20, 40 minuti al giorno, a seconda del livello in cui sei) rende la mia vita più semplice, gioiosa e soddisfacente. E’ proprio il mio obiettivo! Lo vivo come il mio personale videogame.

distrazioni

Non si tratta di lottare contro le distrazioni: quello che voglio è riconoscere le cose per quello che sono veramente e dar loro il giusto peso.

Ho pochissima memoria, forse proprio perchè do retta a troppe distrazioni ed ultimamente ho le idee anche più confuse. Ho ragionato molto sul perchè e ho capito che tendo a credere che le principali risorse siano le cose che posseggo, i libri che ho appena acquistato e che voglio leggere, i vestiti nuovi che aspettano di essere indossati per la prima volta, o ancora l’efficienza e la produttività che riesco a mettere in campo ogni giorno: sbagliato.

La mia risorsa più importante è l’attenzione e la uso bene quando riesco a calarmi dentro l’attività che sto svolgendo per godermela appieno, qui e ora. Ma è più difficile di quello che sembra: sono come una formichina sempre alla ricerca di qualcosa, che rimanda l’approfondimento per cercare ancora, che scarica e salva pdf per una lettura futura, che accumula materiali da studiare, progetti da realizzare, lavori da finire..

Non vi capita mai di andare in biblioteca ed essere pervasi da una smania di lettura che vi fa prendere 20 libri tutti insieme e poi tornare a casa e scoprire che non avrete il tempo di leggerne neanche mezzo e che comunque infondo quei titoli non sono cosi interessanti come vi sembravano? O passare 4 ore su internet e avere la sensazione di non avere letto nè imparato nulla? Le distrazioni sono una droga.

Avere fiducia in me stessa e nelle mie capacità: ecco l’esercizio che voglio fare oggi. Convincermi del fatto che posso e devo dirigere la mia attenzione verso un numero limitato di cose (che sono quelle che hanno più importanza per me). Ad esse posso dedicare risorse illimitate perchè sono piena di energia, di entuasiamo e di voglia di gustarmi la vita.

Comments (6)

non tergiversare: cosa è davvero importante per te?

Tags: , ,

Cosa è davvero importante per te? Un modo per non tergiversare


Scritto il 19 giugno 2014

non tergiversare: cosa è davvero importante per te?

Avere una vita più semplice non vuol dire nulla: dipende da cosa ti sta stretto, cosa vuoi semplificare e come intendi farlo. Per me Vivere Semplice ruota intorno a 3 punti fondamentali:

  • eliminare oggetti, pensieri, rapporti: tutto ciò che non è essenziale
  • evitare il caos e cercare la quiete, stare in armonia con gli altri
  • impegnare tempo ed energie facendo ciò che è più importante per me.

>>>>>>>Si, ma cosa è davvero importante per me? Questa è la domanda fondamentale che prima o poi dobbiamo sederci e affrontare. Non posso continuare ad essere vaga, a parlare di strategie senza mai arrivare al core business: devo dirlo a me stessa cosa è importante.

Tutto è importante equivale a nulla è importante.

Sono molte le cose che voglio ottenere semplificandomi la vita? Troppo vago: tutto = nulla. Devo avere il coraggio di scegliere.

Vorrei sbarazzarmi degli impegni che mi annoiano e mi frustrano e avere molto più tempo per fare quello che mi piace.

>>>>>>Si, ma cosa mi piace fare?

Ho capito una cosa essenziale: bisogna fare spazio perchè le cose che amiamo fare, quelle che sono importanti per noi, si manifestino. Ecco perchè sbarazzarsi di impegni, oggetti, pensieri e scadenze è cosi importante: ho bisogno di fare spazio per trovare quello che c’è là dietro.

Ecco perchè la noia, il vuoto, il niente sono cosi importanti. Non sono parole, sono fatti! Come fai a fare spazio se hai sempre qualcos’altro da fare, da dire, da imparare?

Comments (2)

Io lo so benissimo quello che faccio

Tags: ,

Io lo so benissimo quello che faccio


Scritto il 07 maggio 2014

Prendo spunto dal post egregio di Enrica Crivello su come spiegare agli altri quello fai. Quella ragazza scrive bene!

Descrivo il mio lavoro

Io faccio felice il mio lavoro nell’ambito della comunicazione, sono consulente per internet a Radio Vaticana e contribuisco al piano editoriale online della radio.

Ma per passione curo questo blog in cui parlo di come vedere con occhi nuovi quello che si ha o che si puo’ conquistare e mettere un po’ di Consapevolezza (=strategia) + Benessere nel far funzionare la vita e la famiglia.

Ecco perchè sono una felice C+B come spero molte di voi. Se non sapete cosa vi perdete leggete quante cose vorrei fare

istambul

Insieme alle altre mamas

Poi quando ho conosciuto le Network Mamas che mi hanno invitano a partecipare al loro progetto imprenditoriale di consulenze professioni online ho detto subito di si.
Il mio “prodotto”, la mia competenza, la mia esperienza, la voglio vendere a euro 0 con chi vuole.

Quindi vi aspetto da lunedi 11 maggio, prenotatevi per un talk di 50 minuti, ci facciamo quattro chiacchiere. E testiamo le nostre capacità via video!

Commenti (0)

ecolamp

Tags: , , , ,

Ecolamp: tutto quello che volete sapere sul riciclo delle lampadine a basso consumo


Scritto il 18 novembre 2013

ecolamp

ecolamp

La mia casa è piena di lampadine a basso consumo. Il motivo? Amo tenere in casa piccole lampade sempre accese nelle ore serali e soprattutto d’inverno quando siamo tutti in casa, lampade che illuminano gli angoli e creano vari spazi di lavoro e di relax. L’angolo della lettura per il mio figlio di mezzo che finalmente ha scoperto il piacere di mettersi a leggere in salotto, l’angolo dei compiti dove il grande si è ricavato un piccolo spazio di studio riutilizzando una consolle e l’angolo delle costruzioni, dove mio figlio piccolo tiene  le sue ceste con tanti pezzi. Illuminare bene queste zone ci permette di avere una casa funzionale, dove ognuno puo’ fare le sue cose senza disturbare gli altri. E noi siamo in 5 in 90 mq!
Uso queste lampadine fin dai primi anni in cui sono state messe in commercio perché ho sempre avuto una certa attenzione verso i consumi energetici e devo dire che le loro prestazioni e la qualità sono molto migliorate: la luce che fanno è calda e piacevole e anche la forma è esteticamente più gradevole delle lampadine “normali”, per fortuna ormai quasi del tutto scomparse.

Quando poi ho dovuto sostituirne una, ormai esausta, mi sono trovata in difficoltà perchè effettivamente non sapevo come smaltirla. Ho pensato subito che potessero esserci, come per le pile, dei punti di raccolta dedicati e che non si dovesse buttarle nell’indifferenziata ma non ero poi cosi sicura.

ecolampE’ stato in quel momento che ho scoperto Ecolamp e con esso la risposta a  tutte le mie domande.

Ecolamp è un Consorzio senza scopo di lucro che si occupa della raccolta e dello smaltimento delle lampadine a basso consumo esauste, fornendo punti di raccolta dedicati e sviluppando campagne di sensibilizzazione sul tema della salvaguardia ambientale. E con ottimi risultati, visto che solo nel 2012 ha raccolto più di 1.600 tonnellate di lampade da cui sono state recuperate più di 1.500 tonnellate di vetro, plastiche e metalli sottraendo alla dispersione nell’ambiente circa 90 tonnellate di polveri contenenti l’odiato e velenosissimo mercurio.

Dove butto le lampadine a basso consumo esauste?

Per restituire le lampade a basso consumo esauste è possibile recarsi nelle isole ecologiche del proprio Comune di residenza. Per conoscere il punto di raccolta più vicino, potete visitare  il sito del Centro di coordinamento RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) nella sezione Comuni, Lista dei Centri di Raccolta per Area Geografica, oppure scaricare l’App gratuita Ecolamp: l’isola che c’è disponibile su tutti gli app store.

Potete anche restituire le vecchie lampade presso tutti i rivenditori nel momento in cui ne acquistate una nuova (ritiro uno contro uno). E poi non dite che in Italia non si fa nulla per il riciclo!

Ecolamp è molto attivo anche nel campo della comunicazione, perchè è importante che tutti, dai bambini agli adulti, sappiamo come smaltire certi materiali.

ecolamp

Se recentemente siete stati con i vostri piccoli in qualche parco divertimenti o in uno dei principali musei d’Italia magari vi siete imbattuti in Happylamp, il progetto educativo attivo dallo scorso anno.

Happylamp è solo uno dei numerosi esempi di attività portate avanti dal Consorzio: per rimanere aggiornati su tutte le iniziative visitate il sito ufficiale, sempre aggiornato e ricco di informazioni e curiosità.

Potete seguire Ecolamp anche sui social (Facebook e Twitter) così da non perdervi le prossime iniziative!!!

Post sponsorizzato

 

Commenti (1)

festa di san martino

Tags: , , ,

San Martino: la festa delle lanterne in ogni casa


Scritto il 11 novembre 2013

Non è necessario andare in una scuola steineriana per celebrare le feste. Puoi farlo lo stesso! Essere proprio là dove i tuoi bambini hanno bisogno di te è qualcosa che puoi fare in modo semplice e immediato, senza troppe teorie.

I bambini ci vogliono in coscienza, nel qui e ora, dove la vita si apprezza minuto per minuto. Anche importando nella famiglia nuove tradizione per dare più robustezza ai confini che separano il dentro dal fuori, per far sentire ai bambini e ai ragazzi che nelle nostre case la famiglia conta.

La ruota dell’anno gira, finalmente arriva il freddo e andiamo nel bosco a celebrare la festa di San Martino.

festa di san martino

credits: www.waldorfatlanta.org

Neanche a Messa se ne parla, chissà perchè la Chiesa perde quest’occasione d’oro per ricordarci che nel ciclo dell’anno ci sono fondamentali occasioni per riflettere su noi stessi, sulla lanterna che ci portiamo nel cuore e che può illuminare il nostro cammino di vita.

Questa lanterna è la coscienza, è la consapevolezza di stare al mondo, è la gioia di vivere.

Ogni anno racconto quello che facciamo durante la festa di San Martino, come costruiamo le lanterne e perchè e cosa significa questa festa. Se tuo figlio va alla scuola pubblica probabilmente non saprai nulla di questa festa, ma questo non significa che non possa approfittarne per celebrare comunque la festa della luce insieme alla tua famiglia.

Leggila la storia di San Martino e oggi pomeriggio all’imbrunire porta i bambini in un parco cittadino o nel boschetto dietro casa con un thermos di cioccolata calda e qualche dolcetto e  raccontagliela. Porta una semplice candela e tienila accesa durante la passeggiata del ritorno e quando sarete a casa mettete a tavola una candela e tenetela accesa durante la cena. Scalderà l’atmosfera, creerà la sorpresa di un nuovo incontro, l’incontro con l’inverno, l’incontro con noi stessi.

festa di san martino
credits: madisonwaldorf.org

Comments (2)

Le persone che vorrei essere

Tags: , , ,

Le persone che vorrei essere


Scritto il 15 ottobre 2013

Alterno momenti di euforia a momenti di grande tristezza. Non sono bipolare, sono disoccupata.
Ma tentando di capirmi e di ascoltarmi, ho capito che non conta dove sono e cosa faccio in questo momento conta moltissimo con chi mi accompagno.

La felicità è una malattia infettiva, se stai con persone depresse diventi depresso, se stai con persone felici diventi fichissimo anche tu. O almeno ti senti tale (poi cosa importa se lo sei veramente…)

Allora oggi dico grazie a Sophie una mamma conosciuta per caso, mezza gitana insegnante di shiatzu, che ha la camera da letto in giardino montata dentro una tenda da circo e mi ha invitato a casa sua senza convenevoli.

Semplicemente ha sentito che avevo bisogno di una compagnia…

Per rimanere in compagnia anche stando a casa faccio una lista delle persone che vorrei essere, e vi invito a fare lo stesso sui vostri blog, perchè ad ammirare gli altri non c'è niente di male, e anzi non può che fare bene.

1. L'ho vista su Etsy ed ho voluto essere lei dal primo momento. Fa a maglia cose sfiziosissime, vende su etsy, ha una frangetta fantastica, è bellissima…

 

il_430xn38148454.jpg

Daccordo ognuno ha i suoi gusti….

il_430xn38321006.jpg

2. Rimane sempre in pole position tra le mie beniamine Rosa Pomar (in questa foto aspettava la seconda figlia che ora ha l'età di Zeno credo). Di Lisbona, Rosa è una delle mamme do-it-yourself più famose del web. Le sue bambole sono ricercatissime e il suo taglio di capelli ho cercato di copiarglielo varie volte ma con poco successo…. Il fatto è che non sono bella come lei.

 rosapomar.jpg

3. Amanda non posso non citarla. Se non ci fosse lei forse ora non sarei qui.

amanda.jpg

4. Poi vorrei essere Annie Leonard, l'autrice di questo video fantastico (su www.storyofstuff.org) che racconta come e perchè il mondo è sommerso di cose. E lo fa in modo semplice, diretto, entusiasmante… come vorrei fare io tutte le cose.

 

E voi chi vorreste essere?

Comments (9)

Meno è meglio: come fare niente senza perdere tempo

Tags: , , , , ,

Meno è meglio: come fare niente senza perdere tempo


Scritto il 05 luglio 2013

Se togli qualcosa non rimane il vuoto, si crea uno spazio inedito da riempire con altro. Ho imparato a togliere aspettative e a vedere quello che c’è, nella giornata, nei figli, in me stessa. E mi stupisco di come ho fatto a non pensarci prima.

Sottrarre cose e aggiungere tempo, spazio, idee: ecco l’obiettivo di questo mese.
Non abbiamo bisogno di inutili dispensatrici di consigli per gli acquisti perchè siamo impegnati a liberarci di tutto ciò che abbiamo comprato in questi anni, usato una volta e messo via. La regola è semplice:

Non lo uso da almeno sei mesi: lo metto sul soppalco
Non lo uso da tanto, tantissimo tempo: lo regalo, lo butto, lo uso oggi (ultima chance)

I bambini hanno capito che siamo spietati verso gli oggetti che ci ingombrano la vita e si sono messi vicino al portone di casa a riparare i loro skateboard. Perchè se sono rotti vanno nella spazzatura.

A proposito, vi siete chiesti perchè gli skatepark pubblici li costruiscono solo nelle zone periferiche e disagiate delle città e non anche in zone meno a rischio? Perchè i bambini che abitano nei quartieri medio-ricchi non hanno bisogno di stare insieme?

Ah, si… la risposta è che i bambini ricchi non hanno bisogno dello skatepark perchè hanno internet e possono starsene tutto il giorno su Itube a rincoglionirsi.

skateboard in riparazione

Una mia amica mi ha chiesto: ma cosa fai tutto il giorno con i bambini? (in questo periodo non c’è neanche più la scusa di uscire per andare al lavoro, finito anche quello). NIENTE.

Ecco ci vuole coraggio a dire niente, stiamo a casa a non fare niente. Insieme. NIENTE è una parola per niente di moda.

stare a casa e non fare niente. insieme.

I bambini hanno smontato il divano e hanno creato una chaise longue che sembrava molto comoda. Poi si sono messi a gonfiare palloncini.

Se non mi credete leggete i post di Simplicity Parenting, loro sono certo molto più autorevoli della mamma sabrina e sapranno convincervi (se di questo avete bisogno) che fare meno (con i figli) è senz’altro meglio, per una serie infinita di ragioni.

Comments (11)

Occuparsi e preoccuparsi

Tags: , , , ,

Occuparsi e preoccuparsi


Scritto il 15 maggio 2013

tranquille dentro Nell’attesa di terminare la traduzione di “Com’è fatto il cervello di un bambino, ho scovato un libro che mi è piaciuto moltissimo e ve ne voglio parlare. Un libro che aiuta a strutturare i pensieri, a smettere di preoccuparsi,  a ragionare sul nostro modo di ragionare e sulla possibilità di cambiarlo, quando questo non ci fa stare bene. Si intitola “tranquille dentro”, piccolo talismano della mamma, ed. Ponte delle Grazie.

Intanto partiamo da un presupposto: quando veniamo al mondo ci troviamo nella situazione di poter accettare il pacchetto vita oppure ribellarci, preoccuparsi e combatterlo.Come lo chiama simpaticamente l’autrice, il pacchetto vita è chiavi in mano, all inclusive. Se accettiamo in modo aperto e sereno quel che arriva in dotazione con il pacchetto ce la godiamo e apprezziamo ogni cosa, anche i cambiamenti e gli imprevisti, altrimenti, alla ricerca di quello che crediamo il meglio per noi spendiamo gran parte della nostra vita a fare in modo che le cose vadano in quel modo e combattiamo e ci affanniamo sprecando gran parte della dotazione del “pacchetto vita” senza sapere neanche quello che comprendeva.

C’è da mettere in chiaro una cosa: siamo esseri mortali e mettiamo al mondo esseri mortali (tra l’altro forse il pacchetto vita che regaliamo ai nostri figli contiene anche la data di scadenza obbligatoria, ma essendo un acquisto alla cieca per fortuna non sappiamo quando avverà). La morte è una parte della vita dalla quale non possiamo svincolarci. Inutile pensare di poter evitare tutti i problemi compreso quello.

Nel nostro ruolo di madri poi, l’autrice distingue una tipologia molto divertente (o agghiacciante, dipende se vi ritrovate nella descrizione, io si, ahime) che è la mamma-elicottero.
La mamme elicottero sorveglia dall’alto la vita dei propri figli, interviene chirugicamente e tempestivamente ogni volta che le cose sembrano andare in modo diverso da quanto lei aveva previsto per il figlio, scagionando ogni possibile errore, contrattempo, incidente. Insomma, una mamma necessaria, senza la quale i figli non sarebbero in grado di crescere, il palazzo crollerebbe, il mondo intero si fermerebbe.

devo stare tranquilla

Invece l’obiettivo principale di una madre dovrebbe essere proprio il rendersi superflua il prima possibile: quando i figli saranno in grado di vivere bene senza il nostro aiuto allora potremo dire di aver concluso il nostro ottimo lavoro di madri.

Invece spesso è piu facile preoccuparsi: pensiamo che i nostri figli non se la sappiano cavare da soli e che il nostro aiuto gli sarebbe prezioso e cosi ci prestiamo, ci facciamo in quattro, in mille, pur di poter essere utili. E cosi, guidati dalle nostre convinzioni agiamo nel mondo con dei comportamenti che tendono a confermare loro di non essere abbastanza capaci di fare da soli, realizzando le  profezie che si autoavverano. Una teoria che l’autrice afferma essere un classico della sociologia (Merton, 1971).

Comments (11)

La felicità è una scienza

Tags: , , ,

La felicità è una scienza


Scritto il 17 gennaio 2013

Perchè mai il Festival delle Scienze 2013 di Roma quest'anno ha come tema la felicità? Semplice, perchè la felicità è un complesso sistema di fattori che influiscono sulle emozioni individuali ma anche sul sistema di gestione del mondo. Il feel, l'indice che in modo simile al Pil individua la Felicità Interna Lorda di un paese ha quarant'anni di vita e anche in Italia se ne parla, con le 12 dimensioni del Benessere, stilate dall'Istat non solo in Buthan dove è stato inventato (Cross National Happiness).

Insomma La Felicità al centro del Festival delle Scienze di Roma che si tiene dal 17 al 20 gennaio all'Auditorium è una buona idea. Una serie di conferenze, incontri, dibattiti sul tema. Lectio Magistralis con un biglietto d'ingresso di 2 euro. Chapeau!

Anche il fondatore dell'inglese Action for Happiness lo dice: la prima cosa da fare per essere più felici è occuparsi di rendere felice qualcuno. I meccanismi che incoraggiano e motivano le emozioni positive, alla base della felicità sono strettamente connessi al nostro modo di relazionarci con gli altri, con le scelte, con le difficoltà. La felicità è una decisione, è lo slogan di questo movimento.

C'è un dato che mi sembra essenziale: semplificarsi la vita, avere più tempo per se stessi, evitare di lamentarsi continuamente e cercare di guardarsi meglio addosso e capire le emozioni che ci procurano gli eventi puo' essere una direzione da intraprendere per migliore il proprio livello di happiness. E questo non ha nulla a che fare con la ricchezza, le possibilità economiche e le posizioni di carriera professionale in cui ci troviamo.

Commenti (0)