internet Archives - Vivere semplice

Tutti i tag | "internet"

ADOLESCENTI Photo by Erik Lucatero on Unsplash

Tags: , , , ,

Benessere digitale a scuola e in famiglia


Scritto il 30 ottobre 2018

Siamo una famiglia di nerd: mamma consulente digitale, papà esperto di radio e web i nostri 3 figli sono cresciuti in mezzo a tecnologie di ogni tipo. Fino ai 2 anni.

Poi abbiamo cominciato ad osservarli meglio, i nostri bimbi, e abbiamo scoperto che la loro reazione a tutti gli schermi era ipnotica e invasiva: ne chiedevano sempre di più.

Per questo abbiamo scelto il minimalismo digitale: dare dei limiti con il sorriso e senza punizioni, offrire alternative, portarli in natura, spegnere noi adulti per primi tutti i device, scelte da fare per tenere in piedi relazioni profonde, conversazioni vere.

E i risultati si vedono: ora i ragazzi hanno 16, 14 e 8 anni e quando le chat esagerano con i messaggi loro smettono di seguirle, vanno a scuola in bici, fanno sport, amano stare nel bosco e la sera sera quando ceniamo tutti insieme fanno a gara per chi ha più da raccontare.

Sono certa del fatto che se non fossimo stati sensibili a questo argomento ne avremmo sottovalutato le conseguenze, come tendono a fare la maggior parte dei genitori che auspicano che i loro figli siano abili nel mondo digitale e danno per scontate le competenze nel mondo reale.

Fare i conti con il digitale

Certo è che dobbiamo imparare a fare i conti con la tecnologia, conviverci il meglio possibile e imparare a sfruttarla senza farci rubare troppe ore di vita.

Per questo ci vuole consapolezza dei mezzi, uso responsabile e una certa dose di equilibrio, coraggio, curiosità e motivazione per la vita.

Siamo i primi genitori di nativi digitali, di certo non è facile per noi dare indicazioni ai nostri figli, a stento sappiamo noi come gestire quest’invasione.

Benessere digitale

Il benessere digitale è la condizione di chi sa sfruttare le crescenti opportunità messe a disposizione dai media digitali, sapendo al contempo controllare e governare gli effetti delle loro dinamiche indesiderate.

A questo scopo occorre possedere un vasto spettro di competenze specifiche, relative agli strumenti, alle informazioni, alle relazioni online, alla creazione di contenuti e, non ultime, alla gestione del proprio tempo e della propria attenzione.

Come si costruiscono le competenze per la vita digitale

Per costruire la propria identità digitale senza che la nostra vita in carne ed ossa risulti deprivata, scollegata, insipida occore mettersi al lavoro.

Abbiamo bisogno (e dico abbiamo perchè tutta anche a noi adulti farlo) di mantenere un sapiente equilibrio tra le nostre abitudini. E per farlo occorre esercizio.

La capacità digitale non riguarda solo il saper gestire certi strumenti ma anche la capacità di gestire la propria attenzione. La sovrabbondanza di informazioni crea sovraccarico mentale che dà confusione e senso di disagio.

Tutto dipende dalle nostre scelte?

Siamo sicuri che la capacità di gestire la nostra attenzione dipende solo da noi? Secondo me siamo pesantemente influenzati dalle opinioni degli altri.

Le sfide che il digitale porta nella gestione del tempo e dell’attenzione riguardano soprattutto il sapersi mettere in relazione ai propri bisogni e non quelli degli altri. Ma quali sono i nostri bisogni? Ce lo siamo mai chiesti?

Per i nostri figli vorremmo che navigassero agevolmente nella sovrabbondanza della rete ma anche sapessero difendere i propri spazi di attenzione piena e che la loro vita non fosse confinata al mondo digitale.

Sviluppare nuove capacità

Per noi operatori della rete che su internet ci passiamo 8 ore al giorno (io da più di 20 anni) non è facile pensare che questo sia possibile. Ai nostri tempi non c’era alcuna consapevolezza di ciò, oggi c’è il progetto Benessere Digitale che vuole educare a sviluppare simili capacità di scelta.

Benessere digitale è un centro di ricerca sulla qualità della vita iperconnessa che, in collaborazione con l’Università la Bicocca di Milano, ha dato vita al primo esperimento sull’educazione ai media digitali svolto in Italia verranno esposti il 9 novembre.

Sarà possibile seguire i lavori via streaming sul sito www.benesseredigitale.eu

Si tratta su sperimentazioni che svolgono negli scuole primarie e secondarie di Milano, con l’utilizzo del metodo scientifico del doppio cieco per  individuare e gestire con consapevolezza le abitudini digitali

  • il consumo di informazione online
  • l’intrattenimento
  • la gestione del tempo online
  • il multitasking
  • i livelli di stress e distrazione
  • la netiquette.

benessere digitale

Grazie al lavoro del team di esperti di Benessere Digitale, speriamo che il campione di indagine e proposte operative possa allargarsi a tutta l’Italia uscendo anche dalla scuola ed entrando nelle famiglie.

vivere semplice presentazione del libro a roma il 9 novembre 2018 librerie thlonIntanto se siete interessati all’argomento vi consiglio di leggere il libro Vivere Semplicela famiglia può essere uno snodo strategico per far maturare questa consapevolezza: per farlo non occorre essere esperti di web ma solo appassionati di umanità.

SAVE THE DATE: Se abiti a Roma vieni alla presentazione  il 9 novembre alle ore 19 alla Libreria Tlon, Via Nansen 14 zona staz. Ostiense.

In questa pagina del sito di Benessere Digitale è possibile trovare molte altre risorse video per documentarsi sui progetti in corso di svolgimento nelle scuole milanesi. Appuntamento il 9 novembre alle 14.30 per ascoltare dal vivo i risultati della sperimentazione.

Commenti (0)

facebook ci ruba le occasioni più belle della vita

Tags: , ,

Scomparire da Facebook


Scritto il 15 gennaio 2018

il web era il posto della creatività per eccellenza ora con facebook non lo è più secondo me

Lavoro nel web da più di 20 anni. Ho sempre amato passare varie ore del giorno a navigare seguendo quella meravigliosa associazione di idee che mi portava a scoprire interessi affini. Era un bellissimo passatempo che mi arricchiva professionalmente e culturalmente.

Per anni ho fatto del web il mio laboratorio di creatività, salvando liste e liste di link per non perdere nulla di tutte le scoperte incredibili (questa, questa e questa) che facevo nell’iperuranio, ops voglio dire ipertesto.

Ma da quando c’è Facebook è diverso. Curo e ho curato moltissime pagine facebook di aziende e clienti che hanno interessi anche lontanissimi dai miei. Per questo motivo mi sono trovata con una profilazione riduttiva dei miei interessi.

Facebook io sono sono come tu credi

Sai come funziona Facebook no? Ti propone notizie che crede ti interessino in base ai mi piace che metti. Ma io non dico mai  mi piace proprio perchè voglio essere il più possibile trasparente agli occhi di Edgerank, quel maledetto algoritmo che governa il fb, però pare che lui si sia fatto comunque un’idea di chi sono. Sbagliata!

Che in questi giorni Mark Zuckerberg venga a dirmi che Facebook darà sempre più spazio alle persone e meno alle pagine mi fa solo arrabbiare: se voglio degli amici con cui parlare gli telefono, li invito a cena e li guardo in faccia, non ho bisogno di fb per rimanere in contatto con loro e sorbirmi le loro ingenue ostentazioni di interessi.
Di persona tutti avremmo meno bisogno di apparire e saremo obbligati ad essere un po’ di più.

Facebook mi ruba tempo, mi dà un sacco di informazioni che non voglio, mi chiude nello stanzino delle chiacchiere inutili degli amici che hanno un sacco di tempo da perdere, quello dei proclami, degli slogan, delle fake news, delle petizioni, dei concorsi, delle offerte speciali dei tuoi colleghi consulenti eccc.

facebook mi ruba la vita

Io non sono questo, sono molto altro

Ho appena letto un frase nell’ultima newsletter di Ivan Rachieli che condivido moltissimo. Grazie Ivan per aver trovato le parole, da quando ho finito di scrivere il mio libro non riesco più a metter giù un pensiero scritto che sia uno.

Ebbene cosa dice Ivan? Facebook è una manifestazione amplificata e velocizzata delle relazioni sociali che definiscono la nostra vita, una manifestazione che per noi che lavoriamo nel web è diventata sostanzialmente impossibile da controllare, da apprezzare, da assecondare.

Anche io trovo Facebook aggressivo e violento ma anche svilente e patetico in alcuni casi e visto che non amo biasimare gli altri me lo tengo per me, pensando di non essere in diritto di esprimere queste opinioni che forse sono semplici lamentele.

facebook ci ruba le occasioni più belle della vita

Non mi lamento, ho solo paura

Voglio guardare insieme a voi quello che ci sta succedendo e voglio acuire ancora più lo sguardo per capire cosa sta succedendo ai nostri figli, più o meno adolescenti, che sembrano non vivere più senza selfie, stregati dalla possibilità di aprire un canale youtube e metterci dentro tutte le loro prodezze, di comunicare ad altri tutto quello che fanno.

Cosa vuol dire questo? Che non si fa più nulla per il gusto di farlo ma per dirlo agli altri? E perchè mai gli altri sono tanto importanti? Forse perchè noi non lo siamo abbastanza ai nostri occhi? Forse esagero ma ho bisogno di capire quali sono le leve che ci muovono e come i social influenza la volontà.

Facebook non è per persone talentuose

Se ti capita poi di avere un figlio talentuoso questa cosa ti scoccia ancor di più, credimi. Mi spaventa il fatto che i ragazzi possano mettere il loro talento al servizio di un voyerismo annoiato, che possano svenderlo per un like.
Ed io come posso aiutarlo a capire che non è questo che conta davvero?

Cosa conta davvero?

Se te lo stai chiedendo sei capitato nel blog giusto. Mi spacco la testa su questo argomento da 10 anni. E mi chiedo se forse in questa rete non ci sia cascata anche io. Ne parlo anche nel libro…
In ogni caso almeno i miei primi 20 anni li ho vissuti davvero.

Non è la fatica è lo spreco – dice questa canzone che amo.

Commenti (0)

bambini e internet

Tags: , , ,

Avere le idee più chiare su bambini e internet


Scritto il 04 dicembre 2014

bambini e internet

Quando esce un libro che parla di bambini e media non resisto: devo leggerlo. Da esperta di comunicazione digitale sono interessata al rapporto tecnologie/bambini e ho una certa refrattarietà all’entusiasmo che vedo in alcuni genitori e maestri nei confronti della didattica digitale e dell’uso senza limiti di ogni schermo.

Perchè sono scettica?

Semplice: non è detto che perchè i bambini amano la tecnologia quella sia la cosa giusta per loro. I bambini amano più la tastiera della penna perchè la vedono usare agli adulti, perchè richiede meno sforzo (e per questo anche meno forza di volontà) ma non perchè è la cosa giusta. La cosa giusta per un essere umano in evoluzione non è uno schermo (secondo me).

i nuovi bambini - bambini e tecnologiaNon la pensa cosi Paolo Ferri, professore di Teoria e tecniche dei nuovi media della Facoltà di Scienza della Formazione di Milano-Bicocca e il fatto che sia un esperto mi rende la sua opinione interessante e da approfondire. Ecco perchè ho letto il suo ultimo libro, I nuovi bambini, come educare i figli all’uso delle tecnologie senza diffidenze e paure, ed. Bur ecco cosa dice:

  • dovremmo considerare il videogiochi non come una fonte di distrazione ma come una palestra per avvicinare i ragazzi ad un uso più consapevole e maturo delle opportunità offerte dalla tecnologia, oltre che un ottimo esercizio per le strategie di apprendimento

Sarebbe bellissimo fosse cosi, ma mi chiedo: perchè ai ragazzi piace solo stritolare, uccidere e sparare sui videogiochi (almeno i bambini che conosco io sono cosi. Forse frequento famiglie degenerate!).

Secondo me il motivo è che per loro la tecnologia non è un’opportunità di apprendimento, come vorremo noi adulti, è semplicemente un altro modo di giocare, più facile perchè devono sforzarsi meno di inventare qualcosa e dove possono credere di socializzare con mille persone senza sapere neanche cosa vuol dire questa parola.

  • i genitori hanno paura che l’eccesso di tecnologia possa ridurre la socialità dei bambini quando in realtà in ambito digitale il bambino socializza e aiuta il compagno meno competente.

Vero anche questo ma da genitore scettico dico che usare troppa tecnologia riduce le sue competenze analogiche più importanti di quelle digitali in questa fase della vita (e forse sempre). Per esempio: è giusto che i bambini usino un correttore ortografico?

L’intelligenza digitale

D’accordo con Ferri che è utile che i bambini sviluppino un’intelligenza digitale (sul come non è ancora chiaro). Concordo anche sul fatto che i media cognitivi (tablet, pc, internet) non siano media ipnotici come la tv e quindi presuppongano un uso proattivo e maggiore attenzione ma sinceramente non riesco ad essere entusiasta quanto lui.

Mancano dei tasselli…

Credo che ci sia tempo per passare le giornate davanti allo schermo: potranno farlo quando saranno più grandi.

Ora è più importante che facciano quelle cose che solo i bambini possono fare (perchè dovranno lavorare e non ne avranno la voglia): gavettoni, parkour, mille sport, guardare il soffitto, arrampicarsi sugli alberi e prendere le misure con la vita reale fatta di grazie e prego, scambi di sguardi ammiccanti, figuracce, pacche sulle spalle, rutti e scusa ho ruttato e tanto altro…

Questo libro mi ha dato molti spunti validi di riflessione, perchè anche dietro quell’ottimismo si trovano argomentazioni valide e di un certo spessore. Lo consiglio a tutte le persone che come me hanno bisogno di avere le idee più chiare su bambini e internet,  e anche eventualmente di scoprire che non sono d’accordo con l’autore.

Comments (4)

Videogame: sparare, stritolare, violentare è divertente!

Tags: , , , , ,

Videogame: sparare, stritolare, violentare è divertente!


Scritto il 12 luglio 2013

cosa c è di male è solo un gioco: videogame

I vostri figli vogliono solo chiudersi in camera e stare attaccati al computer? Avete due possibilità: lasciarli fare, per esempio lasciarli giocare tutto il giorno ai videogame (tanto lo fanno tutti) oppure preoccuparvi per loro, anzi occupavi di loro.

Il gap generazionale è normale e antico quanto il mondo, ma il sempre più difficile rapporto tra adulti e bambini è pilotato dal marketing per l’infanzia intenzionata a recidere il legame tra genitori e figli.

L’obiettivo? Rendere i genitori noiosi e i media e le marche attraenti. In modo che ai primi non si dia retta, e i secondi siano i veri piloti della vita di bambini e ragazzi.

Vi faccio un esempio: addictinggames.com, la nave ammiraglia di Nichelodeon, pluripremiato network per l’infanzia (quello di Spongebob per intenderci) pare essere anche famoso per un altro contenuto: i giochi estremi e brutali. Se andate in giro a grattare un po’ sotto la superficie del sito scoprite che su addictinggames ci sono giochi per imparare a sparare, stritolare, violentare e seviziare esseri umani vari.

Vuoi provarne uno? E’ divertente: Prendi a sberle il tuo capo

Vi chiederete: perchè un bambino si diverte a compiere degli atti violenti?

Lo dice chiaramente il dottor Koheler, esperto di pedagogia, nella sua conferenza sul potere attrattivo della violenza nei ragazzi: i ragazzini hanno bisogno di sperimentare, di provare ebbrezza, di contravvenire alle regole date dalla famiglia: cosa c’è di meglio allora se non sparare, stritolare, violentare?

E le corporation sfruttano questo normale bisogno dei ragazzi per vendere i loro prodotti. E come se non bastasse incitano i bambini a giocare con giochi violenti o appiccicosi, traduzione terribile per dire che danno dipendenza, asserendo che sono DIVERTENTI. E’ divertente qualsiasi cosa possa stimolare o convincere il bambino a desiderarla. La violenza è divertente, le bugie, il furto, la vendetta e l’avidità sono divertenti.

Questo vale soprattutto per i maschi. Per le bambine il meccanismo scatenante è scenari d’amore, come i videogiochi in cui prendersi cura di un cucciolo virtuale, Webkinz  o Neopetz. Prima si crea la relazione di cura tra la bambina e il cucciolo poi si minaccia l’utente di sottrarre cibo e acqua all’animaletto se le visite al sito non saranno ricorrenti. Gli utenti si affezionano e le pagine viste al mese sono assicurate!

videogame

L’esperto Martin Lindstrom elenca le emozioni di base su cui occorre fare leva per soddisfare i loro bisogni svelando cosi  i pilastri del marketing per l’infanzia.

  • L’amore
  • la paura
  • il dominio (l’aspirazione dei bambini ad essere indipendenti dagli adulti e padroneggiare nuove capacità)
  • la fantasia
  • l’umorismo (prendersi gioco degli adulti per esempio)
  • il collezionismo.

I bambini sono vittime di un meccanismo vecchio quanto il mondo sfruttato abilmente dalle corporation: il loro bisogno di imitare il mondo adulto e di sentirsi o apparire più grandi. Oltre ad intercettare le emozioni dei bambini, il marketing crea dei perfetti meccanismi di dipendenza attraverso collaudati sistemi come la costante probabilità di ricompensa.

hqdefault

 

Il mondo: peggio di come lo abbiamo immaginato

 

Immaginate che venga approvata una legge per cui i bambini devono stare 5 ore al giorno davanti ad uno schermo e che fosse insegnato loro che ragazzi e uomini siano e debbano essere brutalmente violenti, e che le ragazze siano oggetti sessuali, e che identità, autostima, felicità e fortuna siano definite da ciò che la gente compra e possiede e che i genitori siano noiosi e squallidi, utili sono per acquistare gli oggetti desiderati e che i comportamenti compulsivi e ossessivi siano la normalità.

Tutti i genitori scenderebbero sul sentiero di guerra considerandola una catastrofe. Bene, sappiate che la catastrofe è gia in atto, secondo le più moderne teorie che vogliono il genere distopico di moda, solo non è alla luce del sole, ma è una strategia subdola e sistematica.

Ne parla in modo accurato e realistico Joel Bakan, l’autore di assalto all’infanzia.

Approfondimenti:

Occuparsi o preoccuparsi di loro?

Commenti (1)

Internet sta davvero cambiando i nostri cervelli?

Tags: , ,

Internet sta davvero cambiando i nostri cervelli?


Scritto il 22 ottobre 2012

Mentre leggevo Internet ci rende pazzi? Ho seriamente pensato di chiudere battenti, spegnere la spina, dire addio a Vivere semplice, cambiare lavoro e lasciar perdere tutto. Devo confessarlo: sono dipendente da internet. Mi ritrovo in almeno due delle condizioni per cui si è ufficialmente considerati, in base alle ultime ricerche mediche e scientifiche, affetti da sindrome di dipendenza da internet.  Pare che dopo circa un ventennio di esposizione massiccia di un numero sempre crescente di persone a questa tecnologia si sia ora in grado di portare delle evidenze cliniche e scientifiche:

(photo courtesy of  craft-ish.tumblr.com/post/20872604971/oliphillips-travel-posters-for-lazy-people from pinterest)

internet

internet come la conosciamo oggi, ovvero portatile, sociale, accelerata e omnipervasiva, potrebbe renderci non solo più stupidi e soli, ma – cito, anche più depressi e ansioni, tendenti a disordini ossessivo- compulsivi e al disturbo da deficit di attenzione, e perfino psicotici.

Ecco i miei campanelli d’allarme:

  • vi è mai capitato di sentire il telefonino che vibra come se fosse arrivata un’email e invece non è vero? si tratta della “sindrome della vibrazione fantasma” ed è strettamente connessa al fatto che in ogni minuto della nostra vita ci aspettiamo ci ricevere l’email che ci cambierà la vita, o almeno quella che ci gratifica, ci fa star bene e per questo motivo arriviamo fino ad immaginarcela, se questa non arriva.
  • avete mai pensato che era ora di mangiarsi una bella tavoletta di cioccolato per premiarsi del bel lavoro appena finito costatoci circa 6 ore ininterrotte di lavoro sul computer o di ricerca spasmodica di qualcosa su internet, durante i quali non ci siamo alzati dalla scrivania neanche per mangiare o fare pipi? si, infatti sono sicura che sia vero che internet spinge a compotamente che sappaimo essere negativi e che ci rendono ansiosi, facendoci agire in modo compulsivo.

E’ il potenziale di gratificazioni a breve termine che ci frega di più: internet ci fa l’effetto cocaina proprio per questo. Ogni email potrebbe essere un’occasione sociale o professionale e quando controlliamo la posta e rispondiamo agli stimoli che riceviamo otteniamo una minigratificazione, un rapido rilascio di dopamina.

Inoltre chi naviga per tante ore al giorno (con la scusa del lavoro come me o anche se scuse come tanti) secondo un recente studio sulle anomalie strutturali della materia grigia vede il suo cervello modificarsi nel seguente modo: una riduzione dal 10 al 20 per cento nell’area del cervello responsabile della parola, della memoria, del controllo motorio, delle emozioni, dell’informazione sensoriale  e un aumento di cellule nevose che servono alla velocità, nelle aree preposte all’attenzione, al controllo e alle funzioni esecutive: stiamo diventando macchine che reagiscono velocemente ad impulsi, in pratica stiamo diventando delle macchine molto potenti.

La ADHD e gli altri problemi di attenzione e concentrazione stanno crescendo del 66 per cento nell’ultimo decennio, avete ancora dei dubbi sul fatto che i bambini dovrebbero stare lontani da internet come cerchiamo di tenerli alla larga da un precipizio?

C’è molto molto altro da dire sull’argomento, ma vi basti sapere che anche gli studiosi più ottimisti ed entusiasti stanno cambiando idea: come Sherry Turkle, famosa in passato per aver scritto libri favorevoli allo sviluppo di internet e guadagnandosi anche la copertina di Wired, oggi parla di persone tristi e stressate chiuse in un rapporto distopico con le loro macchine.

Comments (7)